Lavoro, UGL spinge per una nuova politica a favore delle imprese

“Accesso al credito, innovazione e semplificazione, potrebbe risultare toccasana per  un rinnovato slancio che favorisca l’aggregazione di reti di imprese, fondando  pilastri per  nuovo modello di sviluppo  a sostegno del sistema imprenditoriale ed all’innovazione per le piccole e medie imprese della Basilicata,mediante un pacchetto di provvedimenti da mettere  in campo per rispondere in modo efficace alle esigenze di competitività del mondo produttivo del nostro territorio“.

E’ quanto dichiarano congiuntamente in una comunicato stampa il segretario generale regionale dell’UGL Basilicata ed il segretario regionale dell’UGL metalmeccanici, Giovanni Tancredi e Giuseppe Giordano.

“In questa fase cruciale di indebolimento della domanda offerta lavoro, l’assistenza alle Piccole e Medie imprese deve essere congiunturale, mediante strumenti finanziari dove il nodo dell’accesso al credito per il mondo produttivo è particolarmente sentito in Basilicata. Per l’UGL ormai siamo in una fase che i ‘proclami del fare’ non servono più, è il momento di agire nell’assicurare alle imprese locali strumenti più coerenti con il reale fabbisogno dove – proseguono i due leader UGL – è importante che le aziende possano agganciare le strade dello sviluppo nell’industria. E’ un’esigenza fortemente sentita dal tessuto produttivo lucano da un lato, il riconoscimento dell’indennità di mobilità in deroga ai lavoratori dall’altro: riconoscere la mobilità in deroga in primo luogo, garantire la copertura per l’erogazione di Cassa integrazione guadagni e mobilità in deroga con un progetto di  ‘Linee Guida per l’anno 2010-2011’ che regolamenti la continuità di tali ammortizzatori sociali nella Regione.

Con una copertura che – continuano gli esponenti sindacali Tancredi e Giordano – alla crisi produttiva ed occupazionale anche ai datori di lavoro e ai lavoratori loro dipendenti, in base alla normativa ordinaria vigente non potrebbero ricorrere a strumenti di cassa integrazione guadagni e mobilità per l’anno 2011, in via transitoria, l’UGL darebbe da subito la disponibilità ad accordi preliminari al fine di regolamentare la gestione degli ammortizzatori sociali in deroga ed allo scopo di assicurare la continuità lavorativa con un binomio di sostegno a imprese o lavoratori. Si mettano in campo azioni di politiche attive in tal caso, l’UGL Basilicata – concludono Tancredi e Giordano – contribuirà nel collaborare affinché si metta in campo ogni iniziativa utile per assicurare ai tanti lavoratori le condizioni economiche minime per sopravvivere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *