L’intervento del sindaco di Monte Sant’Angelo all’ottavo congresso italiano del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito

Un intervento breve ma efficace, quello di Antonio Di Iasio, sindaco di Monte Sant’Angelo, durante la seconda giornata dell’ottavo congresso italiano del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito. L’intervento di Di Iasio, ripreso anche da radio Radicale, è durato 6 minuti, durante i quali ha parlato dello scioglimento delle amministrazioni comunali, portando l’esempio proprio del comune dauno da lui diretto. “Uno sciogliemento strano, per tante questioni che io farei fatica a raccontare, e voi, probabilmente, a credermi. Con la legislazione relativa agli scioglimenti, ci sono parole che per i Comuni vengono azzerate, ovvero persone, stato di diritto, democrazia. Tutto viene azzerato. Questa legislazione permette di comminare una pena senza possibilità di difesa. Gli amministratori non possono nemmeno dire nulla, nemmeno “bah”. Un comune viene sciolto all’improvviso e non puoi sapere nemmeno i motivi”, denuncia Di Iasio.
Il primo cittadino di Monte Sant’Angelo ne ha anche per le Prefetture. “Decidono vita e morte delle amministrazioni, scrivono falsità, perchè la maggior parte degli scioglimenti avviene per altri motivi. Sono operazioni-spot, di propaganda utili a dimostrare che lo Stato e le Prefetture si danno da fare per combattere la mafia. Ma queste azioni non producono nulla, anzi peggiorano le situazioni (infatti ci sono casi scioglimenti duplici e triplici). Inoltre, le popolazioni colpite devono subire anche la gestione commissariale, che non è il massimo”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *