Matera, con la App “IOdifferenzio#sub1” non sbagli e fai bene la raccolta differenziata 

Dove deve finire un tappo in sughero o in silicone? Il cartone della pizza o la pellicola in alluminio, che fine devono fare? Cosa ci faccio con un pugno di viti arrugginite e con le batterie del telecomando TV? Dove, quando e come conferisco tutta questa roba? Sono domande abituali, quasi quotidiane per i milioni di cittadini italiani. Quelli raggiunti dai nuovi processi di raccolta differenziata e porta a porta dei rifiuti. Ed è così da qualche settimana anche per gli abitanti della città dei Sassi e del sub-ambito 1, Ferrandina, Irsina, Tricarico e Bernalda.   

Da questa settimana le risposte ai circa 90 mila cittadini dei 5 comuni, arrivano sul proprio Smartphone dalla nuova App IOdifferenzio#sub1. È in versione Android e iOS ed è a libera disposizione dei cittadini, basta scaricarla con un clic da Apple Store o Google Play. La nuova interfaccia, facile e intuitiva da utilizzare, nasce dalla scelta di collaborare insieme di tre aziende leader in Italia nella progettazione e gestione dei servizi ambientali e dell’innovazione tecnologica: Innova, Consea e Softline. Grazie ai loro rispettivi know-how hanno riprogettato l’App Riciclario che entra ufficialmente a far parte anche della suite INNOVAMBIENTE e con IOdifferenzio#sub1 vede la sua prima uscita in questa nuova veste. L’app aiuterà a migliorare le performance di raccolta differenziata, ridurre la produzione dei rifiuti e veicolare tutte le informazioni necessarie per seguirla nel migliore dei modi. 

Infatti, IOdifferenzio#sub1 guida l’utente nella verifica del calendario di raccolta, nel consultare la guida ai conferimenti, nella verifica sulla destinazione di un imballaggio mediante lettura del barcode. Ma aiuta anche l’utente a scorrere il dizionario dei rifiuti, a prenotare il ritiro di rifiuti speciali o ingombranti e a inviare segnalazioni al gestore su disservizi, oppure specifiche richieste d’informazione.   

IOdifferenzio#sub1 fornisce, quindi, anche un indispensabile supporto ai comuni e alle aziende che svolgono servizi di raccolta rifiuti urbani e di igiene ambientale, aumentando l’efficacia dei servizi, migliorando la qualità dei rifiuti raccolti in modo differenziato e facilitando un dialogo costante con cittadini e imprese.   

“Grazie all’integrazione di Riciclario nella nostra suite informatica INNOVAMBIENTE, con la pubblicazione dell’app IOdifferenzio#sub1, anche Matera si è dotata di un sistema di interfaccia con gli utenti allo stato dell’arte”, spiega Andrea Di Pasquale, Ad dell’azienda High Tech materana Innova. “Siamo nati nel 1989 a Matera, per creare software e algoritmi di focalizzazione di dati radar di tipo SAR, nell’ambito delle attività promosse dal Centro Geodesia Spaziale della nostra città. Lavoriamo da 20 anni con l’Agenzia Spaziale Italiana e con la holding Leonardo (ex-Finmeccanica) e siamo partner nel programma COSMO-SkyMed. Dal 2015 abbiamo sviluppato e commercializzato sul mercato italiano, la suite informatica Innovambiente, un sistema oggi utilizzato da più di un 2 milioni di cittadini di 170 comuni, di 13 differenti regioni italiane e oltre 50 gestori ambientali, con cui soddisfiamo ogni giorno tutti i bisogni di servizio, gestionali e amministrativi di 900 mila utenze TARI – conclude Andrea Di Pasquale. Per tutti noi, vedere riconosciuta proprio a Matera la qualità del nostro lavoro, ha un valore particolare. Esprime la nostra storia e dimostra come anche su questo territorio è possibile fare crescere imprese, creare lavoro, e impegnarsi costantemente in ricerca e innovazione tecnologica”.   

Ufficio Stampa “Innovambiente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *