Matera, ennesimo episodio di maltrattementi in famiglia

Nella decorsa nottata, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Matera hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali un materano, G.G. 40enne incensurato, responsabile di aver picchiato per futili motivi la consorte nel corso dell’ennesima accesa lite tra i due coniugi. Giunto poco dopo la mezzanotte presso l’abitazione della coppia, l’equipaggio della Squadra Radiomobile ha trovato il personale sanitario del 118 già intento a prestare le prime cure alla donna, in seguito ricoverata sotto osservazione all’ospedale cittadino per il trauma cranico riportato e poi dimessa giudicata guaribile in trenta giorni salvo complicazioni. I successivi accertamenti hanno consentito, con la delicatezza necessaria richiesta dalla situazione di disagio provata dalla vittima, di ricostruire, come quasi sempre accade in questi tristi fatti, non un singolo episodio bensì uno scenario di violenza all’interno delle mura domestiche ben più consolidato e costante. La donna, infatti, è vittima da anni di continue vessazioni e violenze, sia fisiche che psicologiche, a lungo sopportate per mantenere l’integrità del nucleo familiare e per la paura. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato associato presso la locale casa circondariale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Rimane alta l’attenzione dei Carabinieri della Compagnia di Matera verso il delicato fenomeno, purtroppo diffuso ed in recrudescenza sull’intero territorio nazionale, anche con epiloghi ben più drammatici per le vittime; i militari dell’Arma rinnovano l’accorato invito, sia alle vittime che alle persone che sono a conoscenza di situazioni di violenza, domestica e non, a denunciare quanto subito al fine di consentire l’attuazione immediata delle attività di indagine e di contestuale tutela e assistenza verso chi è costretto a subire in solitudine e silenzio.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *