Matera: nuova gestione ciclo dei rifiuti, al via la campagna di comunicazione

Manifesti brochure, incontri diretti con i cittadini, e poi pagine social, app e contenuti per raggiungere capillarmente tutti i cittadini. Parte la campagna di comunicazione del nuovo sistema di gestione del ciclo dei rifiuti. Raccolta differenziata porta a porta in tutti le città del sub-ambito Matera 1 che comprende Matera, Bernalda, Ferrandina, Irsina e Tricarico.

Stamattina nella Sala Mandela del Comune di Matera è stato presentato il programma di informazione che sarà avviato il 9 gennaio 2020.

Alla conferenza stampa hanno preso parte il Sindaco di Matera, Raffello de Ruggieri, il Sindaco di Bernalda, Domenico Tataranno, l’assessore all’Ambiente del Comune di Matera, Giuseppe Tragni e il responsabile della cooperativa “Nuova Atlantide” di Accettura che ha curato il piano di comunicazione, Giuseppe Di Biase, dirigente dell’Ufficio servizio speciale d’ambito, Giuseppe Montemurro. Presenti in sala anche i rappresentanti del Cns, e delle sue coop consociate, gestore del servizio.

Si parte con il materiale spedito per posta e per email, con lettere dedicate ai cittadini e agli operatori commerciali, della ristorazione e del sistema alberghiero. Saranno apposti manifesti e distribuite brochure che conterranno guide pratiche alla raccolta differenziata, al sistema del ritiro del rifiuto porta a porta con un abecedario dei materiali riciclabili e l’indicazione di un numero verde per rispondere alle domande dei cittadini.

Seguiranno incontri pubblici, gazebo informativi, attività di comunicazione sui social network ma anche iniziative di sensibilizzazione nelle scuole, oltre al coinvolgimento dei media locali nelle attività di diffusione dei messaggi.

Come previsto, il nuovo sistema di gestione del ciclo dei rifiuti ha una fase di start up di tre mesi ed entro l’8 marzo 2019 sarà pienamente a regime.

 

“Abbiamo il dovere – ha sottolineato il Sindaco di Matera Raffaello de Ruggieri – di diventare tutti militanti ambientalisti. Ognuno di noi deve fare la propria parte per salvare il pianeta e sono i piccoli gesti quotidiani che spesso fanno la differenza. Fare correttamente la raccolta differenziata è il primo passo da compiere. I nostri concittadini hanno una sensibilità altissima su questi temi e sono certo che presto otterremo i risultati che auspichiamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *