Matera: Varchi aperti da questa mattina in tutte le zone a traffico limitato della città

Il Comune di Matera, per venire incontro alle esigenze dettate dalla necessità di assistenza in particolare per i soggetti più esposti al contagio da virus COVID-19 che risiedono nel centro storico e nei Sassi, ha sospeso, fino a nuova disposizione, la regolamentazione degli accessi con veicoli nelle Ztl.

La decisione è stata presa ieri nel corso della seduta di giunta comunale che si è svolta in modalità a distanza e questa mattina si è proceduto alla disattivazione dei varchi.

Il provvedimento ha lo scopo di consentire alle associazioni di volontariato e ai familiari dei residenti nel centro storico, che si trovano in condizioni di difficoltà o che sono impossibilitati ad uscire di casa, di prestare loro assistenza oltre che di consentire a chi svolge servizio di consegna a domicilio della spesa o dei farmaci di poter transitare senza difficoltà.

 

“Non si tratta di una liberalizzazione – spiega il Sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri – perché saranno effettuati controlli stringenti per verificare la sussistenza delle ragioni della circolazione dei veicoli all’interno del centro storico e dei Sassi. Monitoreremo la situazione e qualora si dovessero verificare abusi, saremo pronti a ripristinare la chiusura dei varchi”.

 

Il Sindaco ha poi preso atto con “soddisfazione del clima positivo di confronto e di collaborazione istituzionale che hanno manifestato i consiglieri comunali nell’intento di contribuire alla gestione di questa fase di drammatica emergenza. Le divisioni non servono e sono dannose. Bisogna mettere insieme tutte le energie di questa città per lavorare al bene della comunità. Per questo, il Sindaco di Matera, oltre a lavorare sulle urgenze del momento, sta programmando, come ha sempre fatto nella sua vita, il futuro di Matera. La Casa delle tecnologie emergenti, il Parco della Storia dell’Uomo, la sede del Centro sperimentale di cinematografia, le Residenze artistiche teatrali e l’Accademia delle Belle Arti con l’Isia (Istituto superiore delle industrie d’arte e del design), il Parco della Visitazione, la Tangenziale Ovest, la nuova sede della scuola Torraca, la imminente ripresa dei lavori della nuova sede della Scuola Bramante, il risanamento e la riqualificazione dell’area dell’ex stazione di servizio di via Annunziatella, la modernizzazione funzionale di via Don Minzoni, sono obiettivi alla portata e che intendiamo raggiungere, spero con la più ampia condivisione possibile in consiglio comunale, perché sono opere che servono alla città. Non appena sarà terminata questa fase difficile di obbligato isolamento, ci faremo trovare pronti. Matera risorgerà ancora più forte di prima, perché si doterà di presidi stabili di lavoro, di cultura e di alta formazione, per rafforzare il ruolo turistico della Città“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *