Mitigazione esondazioni, al via 5 interventi

Saranno cinque gli interventi che mireranno alla mitigazione del rischio idraulico nelle aree colpite dalle avversità atmosferiche eccezionali che hanno interessato la Basilicata dal 28 febbraio al primo marzo 2011. Su proposta dell’Assessore alle Infrastrutture, Agatino Mancusi, la Giunta regionale ha ammesso a finanziamento gli interventi selezionati con l’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 3984 del 25.11.2011. L’importo complessivo delle opere finanziate è pari a sette milioni di euro con risorse del PO FESR Basilicata 2007-2013. In particolare la Giunta Regionale ha deliberato la presa d’atto del primo stralcio del Piano degli interventi, predisposto sulla base delle proposte formulate dagli Enti Locali, approvato con l’ordinanza numero 5 del 16.02.2012, dal Presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo, nella sua funzione di Commissario delegato per il superamento dell’emergenza.

“Le cinque operazioni – spiega l’assessore Mancusi – ridurranno i rischi di natura idraulica, tenendo anche conto dei cosiddetti tempi di ritorno. La stabilizzazione dei versanti, la pulizia e la manutenzione straordinaria degli alvei dei corsi d’acqua e la realizzazione di opere di difesa idraulica compongono – aggiunge Mancusi– un complessivo quadro di azioni ed interventi per la mitigazione del rischio idraulico e geologico”.

Per il fiume Bradano è previsto l’adeguamento arginature in destra idrografica a valle del viadotto ferroviario nel Comune di Bernalda (euro 3.500.000); per il Basento la rimozione della vegetazione in alveo e il ripristino degli argini danneggiati o distrutti dalle piene dalla foce alla Pista Mattei, nei Comuni di Pisticci e Bernalda (euro 2.000.000) e il ripristino degli argini e dell’officiosità in località Giardini di Grassano (euro 300.000); per il fiume Ofanto è previsto il ripristino dell’officiosità idraulica e interventi sugli argini dal ponte Leonessa verso monte (euro 700.000); per il Cavone il ripristino dell’officiosità idraulica e interventi sugli argini a monte della Ss.106 Jonica (euro 500.000).

“Il quadro complessivo degli interventi – dichiara ancora Mancusi – è il risultato di un articolato lavoro messo in campo dal tavolo tecnico a cui sono stati invitati gli Uffici istituzionalmente competenti a vario titolo in materia di riduzione del rischio idraulico. Tali Uffici sono stati collettori, insieme all’Ufficio Protezione Civile, di tutte le segnalazioni, di tutti i dati e delle informazioni pervenute da parte degli Enti locali e degli altri Enti interessati alla realizzazione degli interventi. Un grazie va dunque, oltre all’Ufficio Protezione Civile, che ha coordinato il Tavolo Tecnico, all’Autorità lnterregionale di Bacino della Basilicata e agli Uffici “Ciclo dell’Acqua”, “Geologico”, “Difesa del Suolo di Potenza e di Matera” della Regione Basilicata”.

La Giunta regionale ha inoltre stabilito che la Direzione Generale del Dipartimento Infrastrutture della Regione fungerà da beneficiario e che, a parte le spese la realizzazione dei progetti, che sono ammissibili a decorrere dal 25.11.2011, quelle relative alle cinque operazioni finanziate sono ammissibili a partire dall’approvazione della delibera. Fissate infine anche le scadenze dei cinque progetti: 31/12/2012, termine per l’assunzione degli impegni relativi all’aggiudicazione dei lavori; 31/10/2014, termine per la conclusione delle operazioni.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *