Nicola Mercurio nuovo Presidente del CdA del ‘Gal Fior d’Olivi’

Cambio della guardia alla guida del Consiglio di Amministrazione del Gal Fior d’Olivi. Nei giorni scorsi, infatti, è stato nominato il nuovo Presidente del Gruppo di Azione Locale dei Comuni di Bitonto, Giovinazzo e Terlizzi. Si tratta di Nicola Mercurio, 37 anni, Presidente del Consiglio di Amministrazione della Cooperativa Ulixes scs, realtà consolidata sul territorio nell’ambito della promozione turistica, dell’educazione ambientale e dell’inclusione sociale giovanile.

Mercurio, ingegnere gestionale esperto in efficientamento energetico degli edifici e progettazione fotovoltaica, succede a Gennaro Sicolo in carica dal 2011.

Andrà a guidare un Consiglio di Amministrazione rinnovato quasi integralmente dall’assemblea dei soci del mese scorso.

I nuovi componenti del CdA del Gal Fior d’Olivi, oltre il Presidente, sono Antonio Saracino, Ezia Di Carlo e Francesco Cagnetta per la parte privata, Giuseppe Siragusa e Vincenzo Villani in rappresentanza delle confederazioni agricole Cia e Confagricoltura. I componenti del CdA delegati dai comuni, che dovranno essere ratificati in una prossima assemblea, sono Livio De Candia per il Comune di Terlizzi e Giuseppe Polacco per il Comune di Giovinazzo. Il Comune di Bitonto, invece, sta ultimando le procedure avviate.

“Il Gal Fior d’Olivi è ormai una realtà consolidata sul territorio e grazie ai lusinghieri risultati raggiunti, ottavo Gal tra i 25 della Puglia e primo tra quelli di nuova costituzione, deve avere sempre più l’ambizione di puntare a diventare un’agenzia di sviluppo locale al servizio della comunità”, ha spiegato il nuovo Presidente. “Questo risultato, che è stato sicuramente frutto dell’incisiva azione del precedente CdA, e in particolare del presidente Sicolo, nonché del lavoro del Direttore tecnico e di tutto lo staff del Gal Fior d’Olivi, impegna il nuovo Consiglio di Amministrazione a contribuire alla crescita del Gruppo di Azione Locale e al suo futuro, oltre l’attuale programmazione, con uno sguardo sempre più allargato ad altri territori e a nuove reti di sviluppo”, ha concluso Nicola Mercurio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *