Nuovi scioperi degli avvocati in Italia. A Lecce il Palazzo di Giustizia è vuoto

Per la terza volta nell’arco di un mese e mezzo, gli avvocati penalisti incrociano le braccia per una settimana, in aperta polemica con il Governo sul progetto di riforma della giustizia penale, ma soprattutto sul silenzio dell’Esecutivo dopo le richieste di modifica del disegno di legge. A Lecce la protesta ha assunto contorni notevoli: ieri i corridoi del Palazzo di Giustizia di viale Michele De Pietro erano vuoti. L’iniziativa, voluta dalla Giunta dell’Unione delle Camere penali italiane, ha visto un’adesione massiccia, che ha portato al rinvio di tutte le udienze in programma per la giornata di ieri. L’astensione andrà avanti fino a venerdì.
A Lecce lo sciopero ha causato il rinvio di circa 50 processi, di cui 16 da tenersi davanti ai giudici della Prima sezione penale, 28 alla Seconda sezione penale e 10 all’ufficio del Giudice per le indagini preliminari. Numeri che, inevitabilmente, verranno replicati nei prossimi giorni, portando a un totale di circa 250 processi in sospeso. Un conto piuttosto pesante, che si aggiunge a quelli saltati nel corso delle altre due settimane di astensione che si sono tenute in questo 2017: dal 20 al 24 marzo e dal 10 al 14 aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *