On line “luoghi comuni”, un contenitore per buone idee e proposte dei giovani pugliesi

È on line da qualche minuto la prima lista degli spazi pubblici che accedono al programma Luoghi Comuni, sul sito luoghicomuni.regione.puglia.it , che si popolerà progressivamente di idee ed opportunità nei prossimi mesi. “Si apre il catalogo di un’offerta di spazi che adesso aspettano solo di essere riempiti da buone idee proposte e organizzate dai giovani pugliesi”, commentano dall’assessorato regionale alla Politiche giovanili. Sono 8 gli spazi, tra i quali Musei, Teatri, Centri di Aggregazione, Palazzi Storici disseminati su tutto il territorio regionale, che danno inizio alla fase dedicata alle Organizzazioni Giovanili pugliesi, a cui l’iniziativa delle Politiche Giovanili della Regione Puglia si rivolge. Sul sito sono presenti anche le schede dettagliate con descrizioni, foto, piante quotate e forniture; pronte per dare informazioni a tutti i giovani che vorranno proporre progetti di innovazione sociale dedicati al territorio. Per ciascuno spazio, l’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’innovazione – ARTI pubblicherà, nell’arco di 30 giorni, un Avviso Pubblico per raccogliere le proposte progettuali delle Organizzazioni giovanili. Le candidature saranno valutate da una commissione di esperti e i vincitori potranno ricevere fino ad un massimo di 40.000,00 euro per realizzare negli spazi le attività proposte. Luoghi Comuni è partito con il piede giusto: dallo scorso 11 dicembre sono già state attivate 116 candidature di spazi, di cui 54 inoltrate ed in valutazione, 70 Enti hanno aperto un profilo utente, di cui 64 sono Comuni. Gli Enti coinvolti sono: 17 nella provincia di Bari, 12 nella provincia di Foggia, 5 nella provincia di Bat, 11 nella provincia di Taranto, 6 nella provincia di Brindisi, 19 nella provincia di Lecce.
L’avviso per la candidatura degli spazi rimane aperto fino ad esaurimento fondi ed i Comuni e gli altri Enti Pubblici che non hanno candidato uno spazio, o organizzato un evento di presentazione, possono ancora attivarsi per contribuire davvero a migliorare il nostro territorio. Gli spazi pubblici sottoutilizzati presenti in Puglia aspettano di essere riattivati e rivissuti dalle comunità e dalle idee delle organizzazioni giovanili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *