Ospedale di Tinchi: Lazazzera chiede chiarezza sul deliberato del Consiglio Comunale di Pisticci

Il problema relativo al mancato seguito del deliberato del consiglio comunale del 22 marzo scorso avente all’ordine del giorno la discussione sull’ex ospedale civile Angelina Lodico è stato oggetto di una interrogazione a risposta scritta al Sindaco di Pisticci da parte del consigliere e capogruppo della Lista Civica “Decidi il futuro della Città”, trasmessa per conoscenza al presidente del Consiglio Comunale e al Prefetto di Matera.  “Apprendo da un comunicato stampa del Comitato Difesa Ospedale di Pisticci  – scrive Lazazzera – che ad oggi il Sindaco e l’amministrazione comunale ancora non hanno provveduto a trasmettere all’A.S.M. la documentazione tecnica in proprio possesso, attestante la regolarità dei lavori ed i relativi collaudi tecnici ed amministrativi della ex struttura ospedaliera, atti che hanno permesso e giustificato l’attività ospedaliera svolta in passato ed i vari investimenti atti a migliorare la struttura, salvo poi chiuderla per dar seguito al P.S.R.”. Lazazzera pertanto chiede di conoscere quali azioni il sindaco intende intraprendere nei confronti dell’azienda sanitaria materana al fine di tutelare le ragioni della comunità che rappresenta,  indignata e mortificata per la grave offesa subìta. E ancora di sapere, se vi è stato, così come riportato dal comitato, l’incontro con l’assessore regionale alla salute sulle questioni legate all’ex presidio ospedaliero di Pisticci, e se, nel caso, è stata chiesta la disponibilità dello stesso a partecipare a Pisticci ad un consiglio comunale per spiegare quali, se vi sono, i programmi regionali per la sanità metapontina ed in particolare sulle sorti dell’ex ospedale di Pisticci. “Vogliano inoltre – conclude Lazazzera – il sindaco ed il vicesindaco smentire, con i fatti e negli atti, le accuse di condizionamento per conflitto d’interesse, essendo entrambi medici e dipendenti dell’Azienda Sanitaria Materana e piuttosto dimettersi dalla carica che  rendersi corresponsabili di scelte e politiche nefaste per la Città che dovrebbero amministrare e tutelare”.

Giuseppe Coniglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *