Pari Opportunità, nascono i comitati di garanzia

Nascerà anche in Basilicata il “Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità”. Il Comitato opererà in forte sinergia con l’Ufficio della Consigliera Nazionale di Parità e svolgerà il monitoraggio e la promozione, nella Pubblica amministrazione regionale, delle politiche attive per l’occupazione femminile. E’ quanto emerso oggi nel corso di una conferenza stampa in Regione alla quale hanno preso parte, tra gli altri, il presidente Vito De Filippo, l’Assessore alla Formazione e Lavoro, Rosa Mastrosimone e la consigliera regionale di Parità, Maria Anna Fanelli. “Questa legislatura – ha detto il presidente della Regione De Filippo – è fortemente caratterizzata dalle presenza di donne, sia in Giunta regionale, sia ai vertici dei Dipartimenti. E’ questa – ha aggiunto De Filippo – un fatto di straordinaria portata nella storia della Regione. E’ testimonianza del concreto impegno della Regione Basilicata per le politiche di parità. Anche il Prestito Ponte e il Piano Azioni Positive – ha aggiunto De Filippo – sono stati improntati alle esigenze specifiche delle donne. La nascita in Basilicata del Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, in forte sintonia con le linee guida recentemente approvate dalla Conferenza Stato Regioni – ha concluso il presidente della Regione – è testimonianza di un impegno concreto a favore delle donne”. “L’istituzione del Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, anche in Basilicata, rappresenta una tappa importante per garantire la piena parità, il benessere e l’assenza di discriminazioni per chi lavora all’interno della Pubblica Amministrazione – ha aggiunto l’Assessore alla Formazione e Lavoro, Rosa Mastrosimone. L’accorpamento delle funzioni, finora diffuse in vari organismi e comitati, in un solo organismo non solo consente a noi amministratori di avere un referente univoco con il quale programmare le azioni da mettere in campo, ma anche per i cittadini l’identificazione del garante dei loro diritti in un unico soggetto. Non basta – ha detto ancora Mastrosimone – affermare genericamente che le Amministrazioni Pubbliche garantiscono pari opportunità a uomini e donne per l’accesso al lavoro e al trattamento sul lavoro, ma occorre impegnarsi concretamente per la costruzione di un ambiente di lavoro sereno, mettendo a disposizione tutti gli strumenti, materiali e immateriali, per far sentire a proprio agio i soggetti più deboli. In questi anni – ha concluso l’Assessore Mastrosimone –anche con il prezioso contributo della Consigliera di Parità, abbiamo lavorato per garantire concretamente uguali diritti e pari dignità a tutti i cittadini, introducendo nei bandi e negli avvisi pubblici emanati specifiche misure per la tutela dei soggetti più deboli, ma molto ancora dobbiamo fare e il Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità sarà certamente uno stimolo in più e uno strumento importante attraverso il quale lavorare”. “Il Comitato- ha spiegato la consigliera regionale di Parità, Maria Anna Fanelli – porrà la propria attenzione sulla necessità di non alimentare atteggiamenti discriminatori, verificando che nella Pubblica Amministrazione regionale esistano politiche mirate a favorire la parità di condizioni di lavoro e di carriera. Le Pari Opportunità – ha detto infine Fanelli – dovranno essere sempre più garantite anche in relazione alla produttività, tenendo sempre presente anche temi importanti come la formazione professionale, la sicurezza in materia di lavoro e il benessere organizzativo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *