Polfer di Lecce arresta 40enne montenegrino per atti persecutori e porto ingiustificato di coltello

Nel pomeriggio di ieri il personale della Polfer di Lecce ha arrestato A. E., nato in Montenegro nel 1976, perché ritenuto responsabile dei reati di atti persecutori aggravati e porto ingiustificato di coltello.
Gli agenti sono stati avvicinati da una viaggiatrice ed informati che poco prima, nell’attraversare il sottopassaggio della Stazione, era stata minacciata con un coltello dal suo ex convivente. Gli operatori lo hanno rintraciato e nei pressi hanno anche trovato il coltello. A seguito degli accertamenti è emerso che la giovane donna nel corso dei mesi aveva più volte subito minacce ed aggressioni con cui l’uomo voleva convincerla a riprendere la relazione sentimentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *