Policoro, suffragio in omaggio ad Anglona

“Una Basilica gremita è stata la risposta dei fedeli delle parrocchie Chiesa Madre e San Francesco di Policoro all’invito a recarsi in pellegrinaggio dalla Mamma celeste Maria SS. di Anglona. Pullman e macchine private hanno invaso il Santuario per poter assistere alla celebrazione della Santa Messa”. E’ quando fa sapere il Parroco, Don Antonio Mauri per il quale, “è stata occasione per presentare la liturgia di ‘Maria Vergine, donna nuova’ con letture dell’Apocalisse e del Vangelo di Luca. I tantissimi fedeli hanno ascoltato con dedizione la S. Messa dal sottoscritto presieduta e concelebrata da Don Luis, Vice parroco, Don Saverio, Rettore del Santuario e dal Diacono Don Angelo. Nell’Omelia ho ringraziato Don Saverio per l’invito, Don Luis per la fattiva collaborazione in quest’anno pastorale e che passa come responsabile della Comunità di Castronuovo S. Andrea, la Schola Cantorum diretta dalla maestra Antonella Quinto, tutti i fedeli, dando notizia della mia prossima nomina a Parroco della Chiesa Madre, dopo un anno di Amministratore, lasciando la parrocchia S. Francesco in mano all’ottimo Don Nicola Modarelli, giovane sacerdote di Tursi. Importantissimi – aggiunge Don Antonio – sono stati i passaggi apprezzati con grande partecipazione dai fedeli nel mio predicare che, Maria donna nuova, perché si è lasciata permeare dallo Spirito e dall’obbedienza totale al Signore, dicendo il suo FIAT senza riserve. Noi possiamo diventare in questo mondo secolarizzato uomini e donne nuovi se accettiamo il Signore che dice: “Le cose di prima sono passate, ecco io faccio cose nuove” (Ap.21,5) e noi nelle mani di Dio siamo cose nuove. La vita di Maria è stata sconvolta con l’annuncio della maternità inaspettata, la nostra vita deve essere sconvolta con tutti gli annunci che il Signore ci dà. Come fare per ascoltare Dio? Come Maria nella preghiera silenziosa e personale (non abbiamo più i calli alle ginocchia) e con la partecipazione all’Eucarestia nell’ascolto della Parola e nell’obbedienza alla Chiesa. Un arrivederci al prossimo sette settembre per la Veglia – conclude il parroco Don Antonio – lanciando per il prossimo anno della fede una scuola della Parola per capire sempre più la Bibbia. L’ignoranza della Scrittura è ignoranza di Dio (S. Girolamo – Commento al profeta Isaia)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *