Presentato progetto scolastico “Alcol e giovani. Bacco in T-Shirt”

“Alcol e Giovani. Bacco in T-Shirt” è il titolo del progetto realizzato dagli studenti della IV C del Liceo delle Scienze Umane “Emanuele Gianturco” di Potenza, presentato oggi nella Sala Inguscio della Regione Basilicata. Promosso da Igs.net (Impresa sociale Giovani Studenti) in collaborazione con le Scuole Superiori e con l’Unibas, si è sviluppato attraverso lo svolgimento di lezioni teoriche e con il coinvolgimento della IV C suddivisa e impegnata in gruppi di lavoro che hanno realizzato l’Ufficio stampa (che ha redatto 4 articoli pubblicati su “Four Communication”), prodotto uno Spot per la promozione dell’azienda partner vitivinicola Eleano di Rionero in Vulture, organizzato eventi web (pagine facebook e creazione del blog www.4communication.weebly.com).
L’impegno e la qualità del progetto hanno consentito alla classe potentina del Liceo delle Scienze Umane di superare la fase provinciale e accedere a quella nazionale che si svolgerà il 14 e 15 giugno a Nola, in provincia di Napoli.
“L’evento di oggi – ha spiegato la professoressa Irene Vignola – è una fase fondamentale del progetto che ha offerto ai ragazzi la possibilità di relazionarsi con la realtà sociale e in generale con una problematica di grande impatto sociale quale il rapporto tra giovani e alcol. Gli allievi hanno in particolare apprezzato la bellezza del sapere, il sapere che è curiosità, desiderio di apprendere, passione, interesse. Un sapere che consente di riconoscersi come persone e di orientarsi nella definizione del proprio progetto di vita”. Serena Ciliento ha spiegato i contenuti dell’azione formativa avviata da Igs.
Le studentesse Antonella Potenza e Valentina Flumiano hanno illustrato i punti salienti del progetto soffermandosi sui dati emersi da un questionario relativi al consumo di sostanze alcoliche tra i giovani.
Il progetto ha visto anche il coinvolgimento della Polizia di Stato di Potenza che ha partecipato all’incontro con tre suoi rappresentanti: Giuseppe Persano, vice questore aggiunto e dirigente della sezione Ps; l’ispettore capo Gerardo Laguardia e l’assistente capo Antonio D’Elia si sono soffermati sui rischi connessi alla guida in stato ebrezza e alle sanzioni previste per i contravventori, soprattutto se minorenni o neopatentati.
L’assessore alle Politiche per la Persona e vicepresidente della Giunta regionale, Flavia Franconi, ha concluso i lavori intervenendo e dialogando col i tanti giovani presenti soffermandosi, anche in veste di docente universitaria esperta in farmacologia e Medicina di genere, sulla storia e gli effetti dell’alcol molto antichi. Effetti anche positivi, in passato, sia nutrizionali che contro le infezioni. Franconi ha però, soprattutto, messo in guardia i giovani, e le donne in particolare, sui grandi rischi collegati alle conseguenze della ricerca del piacere “effimero” e, tra questi, la dipendenza e la ricerca compulsiva dell’alcol, i danni al cervello e al sistema epatico, le alterazioni del feto in gravidanza, lo sviluppo di tumori tra cui quello alla mammella per le donne.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *