Produzione dei pomodori a rischio nella Capitanata

pomodoriLa pianta infestante ‘Orobanche’ è ormai una minaccia costante per il pomodoro da industria in Capitanata, principale bacino di produzione in Europa. Gli agricoltori sono seriamente preoccupati per la decimazione del raccolto che si è avuta già quest’anno, un allarme raccolto da Confagricoltura Foggia che ha istituito un tavolo tecnico-scientifico composto dai ricercatori delle Università di Foggia e Bari. Al confronto, che si è tenuto giovedì nella sede di Confagricoltura Foggia, hanno partecipato la Confederazione italiana agricoltori, la Confcooperative, i ricercatori e docenti del Dipartimento di Agraria dell’Università di Foggia, i prof. Emanuele Tarantino e Francesco Lops, il prof. Pasquale Montemurro del Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali e Territoriali dell’Università degli Studi di Bari, il dr. Maurizio Vurro ricercatore nell’ISPA – C.N.R. di Bari ed il prof. Agostino Santomauro del dipartimento di scienze del suolo, della Pianta e degli alimenti dell’Università di Bari. La Regione Puglia è intervenuta con il dirigente dell’Ufficio provinciale Agricoltura il dott. Antonio Ursitti.

L’apertura dei lavori è toccata ad Onofrio Giuliano, presidente di Confagricoltura Foggia: “La politica deve farsi carico di trovare le risorse economiche per combattere questo flagello che colpisce al cuore il sistema produttivo, occupazionale e le specificità produttive dell’agricoltura foggiana. Questa pianta infestante si sta diffondendo in tutte le regioni italiane e non solo alla pianta del pomodoro”. Giuliano ha anche affermato che, per tamponare il problema nei campi, chiederà all’assessore regionale all’Agricoltura di attuare gli interventi più opportuni”.

Secondo Pasquale Montemurro, tra i maggiori esperti del fenomeno orobanche, “il problema è andato oltre certi confini e va combattuto con una strategia complessa che richiede l’attivazione dei mezzi preventivi già in uso agli agricoltori, come le rotazioni dei terreni e l’applicazione di corrette pratiche agronomiche anche se sappiamo che tutto questo potrebbe non bastare. Un’azione di contrasto seria si può attuare solo se ci saranno i finanziamenti così da fare prove in campo regolarmente validate”.

Il tavolo tecnico-scientifico tornerà a riunirsi dopo il 20 ottobre questa volta a Bari, probabilmente presso il dipartimento della facoltà di Agraria oppure nella sede regionale di Confagricoltura.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *