Provinciale ‘Ceramiello’, massimo impegno

strada provincialeÈ stata riaperta la provinciale Ceramiello. “La strada era stata interessata – ha evidenziato l’assessore provinciale alle Infrastrutture, Angelo Garbellano – da un movimento franoso che ne aveva determinato la chiusura. Una penalizzazione per la comunità di Montalbano che ha visto l’Amministrazione provinciale e l’assessore Nicola Tauro impegnati per una risoluzione immediata della situazione.”

“L’attenzione allo sviluppo di un centro agricolo importante come quello di Montalbano è sempre stata elevata, anche grazie alla grande disponibilità e sostegno del presidente Stella – ha evidenziato l’assessore Nicola Tauro – in questi anni sono state finanziate opere significative che vanno dall’edilizia scolastica dell’istituto magistrale, alla viabilità come la Montalbano-Scanzano, la Montalbano-Tinchi e la Ceramiello. Risorse che hanno migliorato la qualità della vita dell’intera comunità, con ricadute sull’economia locale. Grazie alla manovra di assestamento si sono resi inoltre disponibili i 400 mila euro con i quali finanzieremo la messa in sicurezza dei tornanti Montalbano jonico, lavori che partiranno tra qualche settimana.”

“Si tratta di interventi di manutenzione straordinaria ricadenti nel centro urbano del comune materano – ha evidenziato l’assessore alle Infrastrutture e Reti strategiche, Angelo Garbellano – che è interessato dal dissesto idrogeologico, inoltre la natura argillosa del terreno circostante causa continui scoscendimenti profondi proprio in prossimità dei tornanti.”

“Questa volontà politica non si è mai arresa allo stato di crisi, né tantomeno ai tagli da parte del governo centrale e alle ipotesi di declassamento delle Province. Ancora una volta – ha concluso il presidente Franco Stella – abbiamo dato dimostrazione che non rappresentiamo enti inutili, al contrario ritengo fondato l’interesse dei territori a tutelare quelli che di fatto sono gli unici enti, protagonisti della storia d’Italia e sintesi efficaci della ricca diversità culturale delle popolazioni, espressamente previsti nella vigente Costituzione della Repubblica Italiana, a svolgere importanti funzioni di area vasta. A pagarne le conseguenze sarebbero soprattutto le piccole comunità periferiche, con scarso peso demografico, che si vedrebbero sostanzialmente privati della possibilità di esercitare la propria autonomia.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *