Pubblicato concorso per borse di studio sulla figura di Aldo Moro

Le Associazioni pugliesi dei consiglieri regionali e degli ex parlamentari e dalla Federazione dei Centri Studi Moro e Renato Dell’Andro di Bari, col patrocinio e il sostegno del Consiglio Regionale, hanno indetto per il 2020 il concorso per borse di studio “Aldo Moro”.
I termini scadono il prossimo 1 giugno. Al concorso possono partecipare gli studenti, anche stranieri, che frequentano scuole o università in Italia e che non abbiano superato il 30° anno di età. Potranno proporre contributi (temi, tesi di laurea, tesine, filmati, documentari audiovisivi), che devono necessariamente riguardare argomenti incentrati sulla vita e la figura di Aldo Moro, allo scopo, si legge nel bando, “di favorire la conoscenza del pensiero, dell’azione e della tragica morte, incrementare nei giovani la riflessione, la ricerca e lo studio sul grande statista”.

Otto le tracce, indicate per grandi linee: a) gli anni giovanili di Moro dal 1934 al 1946; b) Moro docente universitario a Bari e/o a Roma; c) Moro e la Puglia nei 55 giorni dal 16 marzo al 9 maggio 1978; d) la stampa nei 55 giorni; e) il Lodo Moro; f) Moro dal martirio alla santità; g) Moro e la Gazzetta del Mezzogiorno; h) gli amici di Aldo Moro.
Gli elaborati vanno consegnati o anche spediti per posta o via mail (vale la data del timbro postale o della spedizione) entro le ore 12 di lunedì 1 giugno 2020, presso le seguenti sedi o recapiti ed indirizzi validi: Consiglio Regionale della Puglia (Sezione Biblioteca e comunicazione istituzionale) via Gentile 52, 70126 Bari; oppure Associazione consiglieri regionali della Puglia, viale Unità d’Italia 24-d, 70125 Bari; email: degiglio.giovanna@consiglio.puglia.it, oppure ass.consiglieri@consiglio.puglia.it, oppure fato.vitonicola@consiglio.puglia.it.

La consegna o invio successivi alla data indicata comportano l’esclusione. Gli elaborati devono essere inseriti in busta sigillata e vanno indicati i seguenti dati: cognome, nome, luogo e data di nascita, indirizzo postale con cap e comune di residenza, indirizzo mail, cellulare, titolo di studio e riferimento alla traccia o tema indicati nel bando. Non saranno restituiti e resteranno di proprietà dell’Associazione consiglieri regionali della Puglia, che potrà farne uso pubblico.

Saranno premiati dieci concorrenti (1.500 euro al primo classificato, 1.000 al secondo, 750 al terzo, 500 agli altri), secondo il giudizio insindacabile di una giuria composta dal presidente del Consiglio regionale Mario Loizzo, dal direttore del quotidiano “La Gazzetta del Mezzogiorno” Giuseppe De Tomaso, dai presidenti dell’Associazione consiglieri regionali Lugi Ferlicchia e dell’Associazione ex parlamentari sen. Angelo Rossi, dal rettore dell’Università di Bari Stefano Bronzini e dall’on. Gero Grassi, promotore della seconda commissione parlamentare sul rapimento e la morte di Aldo Moro.

Il Bando ufficiale è pubblicato sul portale istituzionale del Consiglio Regionale della Puglia – Sezione Biblioteca e Comunicazione Istituzionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *