Quando la politica NON è al servizio dei cittadini lucani

Il Convegno del PD a Pisticci: “Quali turismi per la Basilicata” del 5/11/2012 alle ore 18:00 presso la sala consiliare, non ha potuto trattare il tema annunciato perché i partecipanti al consesso sono stati duramente contestati dal Comitato Difesa Ospedale di Tinchi e dai tanti cittadini convenuti.

Come annunciato due giorni prima “Lunedì 5 Novembre aspetteremo Parlamentari e Consiglieri Regionali del PD in Piazza Umberto I già dalle 17:30 con i nostri striscioni insieme con gli studenti, ai cittadini e alle Associazioni per rivendicare la revoca della Delibera dell’ASM 792 del 2 Agosto che chiude il laboratorio di analisi a Tinchi e per chiedere l’attuazione del Piano per Tinchi annunciato dalla Regione due anni fa”, i contestatori avevano già fisicamente occupato piazza Umberto I fin dalle ore 17:30 con striscioni e altoparlanti e quando hanno tentato di entrare nella sala e ne sono stati impediti dalle forze dell’ordine (gli agenti di P.S. e i Carabinieri intervenuti erano una quarantina), la tensione era talmente calda che si è sfiorato e temuto il peggio.

Il Sindaco Di Trani, a questo punto ha tentato di mediare e, assumendosene la responsabilità, alla fine ha consentito l’ingresso in aula dei rappresentanti dei contestatori.

E qui, il tema del convegno è saltato, ovviamente, e ha tenuto banco un solo argomento: quello del mancato rispetto degli impegni assunti per l’Ospedale di Tinchi dai vertici regionali, in primis dal Presidente De Filippo che aveva sin dal 2010 inaugurato con grande sfarzo la piscina idroterapeutica per i disabili (costata circa 800.000 €) e assunto tutta una serie di obblighi che avrebbero consentito al nosocomio pisticcese di attestarsi come distretto sanitario specialistico, come previsto nel Piano Sanitario Regionale.

Alle dure e accese contestazioni da parte del Comitato si sono unite le rimostranze di numerosi cittadini che, nel frattempo, sempre più numerosi e agitati, erano accorsi in piazza per manifestare il proprio dissenso nei riguardi di coloro che ritengono responsabili della distruzione dell’Ospedale di Tinchi.

L’Assessore Regionale Marcello Pittella ha preferito abbandonare l’aula poco dopo l’ingresso dei manifestanti, mentre il Consigliere Regionale Luca Braia ha assicurato il suo interessamento al riguardo promettendo di ritornare tra un paio di settimane a Pisticci per discutere sul tema e per dare risposte adeguate in merito.

Il Dott. Bellitti, in maniera incomprensibile e criptica e senza far capire il proprio punto di vista, ammesso che ne avesse uno, ha parlato di “Una Sanità snella” e di “Una Sanità in divenire” che non si sa che cosa significhi.

Il Senatore Filippo Bubbico, che sarebbe stato presente nella sua veste di componente la Commissione Turismo del Senato Italiano, era assente (eppure era un sedicente convegno sul turismo!), non si sa se in maniera studiata, essendo tra i massimi responsabili di quanto accaduto a Tinchi prima come Assessore alla Sanità e poi come Presidente della Regione Basilicata.

Il Mò Basta del Sindaco Di Trani non sappiamo a che punto del percorso sia arrivato, e tenuto conto che come recita il depliant del convegno PD che non si è potuto svolgere: “La politica è sempre una storia di gruppo. E il Gruppo Regionale del PD è al servizio dei cittadini lucani, si è potuto soltanto notare che quando il gruppo – quello PD – chiama, il Mò Basta del Sindaco ha un attimo di indugio e di sospensione (Forum è PD e il PD è anche Forum? Quando si districherà il nodo gordiano se le primarie sono ormai imminenti?), mentre la contestazione fragorosa della piazza pisticcese ha smentito clamorosamente che il Gruppo Regionale del PD sia al servizio dei cittadini lucani e certamente non al servizio dei pisticcesi che pure sono cittadini lucani e a difesa dell’Ospedale di Tinchi.

E allora, quando la politica non è al servizio dei cittadini si verifica quello che la contestazione pisticcese ha chiaramente dimostrato.

SEZIONE PDL PISTICCI E MARCONIA IL COORDINAMENTO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *