Questa sera, “La guerra dei cafoni a Castellaneta Marina”

Presso Ueffilo sur le sukSi terrà oggi, presso il Garden cafè di Castellaneta Marina (Ta) il recital di Sergio Rubini, “La guerra dei cafoni”, che riprende alcune pagine del libro dello scrittore piemontese Carlo De Amicis, che tratta argomenti analoghi a quelli narrati nel film del regista e attore pugliese “Tutto l’amore che c’è”.

Lo scritto, ambientato esattamente nel 1975, racconta la guerra che oppone i ragazzi benestanti di un villaggio della costa salentina ai loro conterranei figli di pescatori, pastori e contadini, detti “cafoni”. A dichiarare e alimentare questo conflitto è il quattordicenne capo dei “signori”, Angelo, soprannominato Francisco Marinho, rapinoso calciatore brasiliano dell’epoca, altrimenti detto il Maligno. Ossessionato dall’odio per i cafoni, Francisco Marinho combatte in nome dell’ordine sociale, della divisione di classe, della continuità storica. Ma quando, per un tragicomico equivoco, nella sua visione del mondo subentra una punta di compassione, o forse di affetto, o forse di amore verso una giovane cafona, la separazione tra il bene e il male comincia a offuscarsi. Intorno a lui, i sintomi di una stagione nuova: dove il prestigio o la disgrazia dell’essere cede il passo all’arroganza dell’avere. La guerra dei cafoni non sarà più scontro tra i ranghi che ribadiscono la propria natura, ma lotta di conquista, arrampicamento, disordine collettivo e interiore. Metafora, attraverso un microcosmo di ragazzini indemoniati, del cambiamento collettivo che in quegli anni trasfigurò il nostro paese, il libro di Carlo D’Amicis è poema cavalleresco e satira sociale, romanzo di formazione “edivertissement pulp”, tragedia dell’antica borghesia e commedia dell’Italia moderna.

Da questo incontro nasce l’omonimo recital “La guerra dei Cafoni”, spettacolo prodotto da Angelo Calculli, direttore artistico dell’Ueffilo music club di Gioia del Colle (Ba), nel quale sono recitati degli stralci di questo libro, come se fosse un racconto, con un accompagnamento musicale. Sul palco Sergio Rubini sarà insieme a Michele Fazio, musicista che ha collaborato con il regista in precedenti lavori, tra cui l’arrangiamento musicale del film “Tutto l’amore che c’è”.

Noi siamo in un momento storico – ha spiegato il regista Sergio Rubini – in cui bisogna tornare ad osservare gli anni ’70, quando ancora non avevamo incontrato i rovinosi anni ’80. Erano anni di passioni, erano anni in cui si dava molta importanza ai giovani e dalla gioventù che ci si aspettava il cambiamenti. Questi pensieri si sono guastati negli anni ‘80, facendo nascere le delusioni, nelle quali si radica la crisi che stiamo vivendo in questi giorni. Quindi ricominciamo dagli anni ’70 e questo spettacolo è una maniera per ricordarli”. 

Garden Cafè – Via Trutturello pineto – Castellaneta Marina (Ta)

Info: 800.173.099 – 3398613434 – www.ueffilo.com

Apertura: 21:00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *