Regione Puglia in Inghilterra per ciclovia transeuropea EuroVelo

L’assessorato alla mobilità della Regione Puglia vola in Inghilterra, per partecipare al primo incontro di un progetto europeo che si è tenuto il 18 maggio, a Canterbury, per lo sviluppo e la valorizzazione economica del percorso cicloturistico transeuropeo EuroVelo 5. L’Assessore regionale al ramo, Giovanni Giannini, dichiara: “Su invito dell’European Cyclists’ Federation e dell’Università del Lancashire Centrale nel Regno Unito – la stessa che su incarico del Parlamento europeo ha condotto indagini sul potenziale fatturato in Europa legato al cicloturismo e stimato in 44 miliardi di euro l’anno – la Regione Puglia ha aderito ad un progetto europeo che ha vinto un finanziamento del programma COSME.
Scopo del progetto è l’individuazione e la messa in atto di tutta una serie di misure finalizzate alla valorizzazione economica, quale prodotto cicloturistico transnazionale, del percorso n. 5 della Rete ciclabile europea EuroVelo. Il percorso EV5–Via Romea Francigena che comincia a Canterbury nel Regno Unito, ripercorre l’antica via dei Pellegrini fino a Roma per poi arrivare a Brindisi attraverso il corridoio dell’Appia Antica, passando per Gravina e Taranto”.
Il progetto della durata di 18 mesi e dell’importo complessivo di € 329.357,00, che ancora una volta pone la Puglia in un’orbita internazionale rispetto alle politiche di ciclabilità, “è assolutamente coerente – prosegue l’assessore Giannini – con le iniziative dell’Assessorato regionale alla Mobilità che fin dal 2005, attraverso il coordinamento in qualità di capofila del progetto Interreg CY.RO.N.MED (Cycle Route Network of the Mediterranean) ha individuato i percorsi delle reti ciclabili di lunga percorrenza Bicitalia ed EuroVelo passanti per la Puglia, incluso l’ EV5, oggi inseriti a pieno titolo nello strumento di programmazione regionale qual è il Piano Attuativo 2015-2019 del Piano Regionale dei Trasporti”. Forti delle esperienze estere, anche per la Puglia ci sono importanti potenzialità legate al cicloturismo che, servendosi di itinerari sicuri, continui, gradevoli e intermodali, ma più periferici rispetto alle zone battute dai grandi flussi turistici, comporta importanti vantaggi maggiormente apprezzati nelle aree minori e marginali o in degrado in quanto colpite dalla crisi industriale (come nel caso dell’area tarantina).
“Per questo motivo – conclude l’assessore Giannini – la Puglia ha voluto prendere parte a questo progetto che da un lato rafforzerà le nostre relazioni con altri partner europei, dall’altro ci farà crescere anche dal punto di vista della condivisione di standard di qualità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *