Restauro edicole votive di Vico Case Nuove

Immagini sacre raffiguranti santi e madonne, espressione di una religiosità che ha radici profonde e che, nella città dei Sassi, “Civitas Mariae”, è testimonianza pregnante della devozione mariana, che trova la sua massima manifestazione nel culto in onore della patrona Maria Santissima della Bruna il 2 luglio. Le edicole votive a Matera sparse a decine tra gli antichi rioni del Caveoso e del Barisano e lungo il Piano, sono elemento distintivo di questa manifestazione di fede.
Sono due le edicole votive sull’arco di accesso da via Ridola a vico Case Nuove, donate dalla famiglia Ferrandina al Comune di Matera e restaurate grazie all’impegno di Michele Corazza e che il prossimo 21 giugno, attraverso una cerimonia pubblica in programma alle 18.30, verranno svelate in tutto il loro splendore ai residenti ed ai visitatori della città di Matera. A seguire, alle 21.30 in piazza San Francesco d’Assisi, concerto della Big Band del Conservatorio “E.R. Duni” di Matera, diretta dal maestro Giacomo Desiante.
Il programma dettagliato dell’iniziativa verrà illustrato nella Conferenza stampa in programma a Matera lunedì 19 giugno alle 9.30 in via Ridola, 23 nello spazio antistante il Caffè Bonacchi.

Interverranno:
Raffaello De Ruggieri, sindaco di Matera
Michele Corazza, finanziatore del restauro
Don Vincenzo Di Lecce, parroco della Cattedrale
Maria Gallo, direttore filiale di Matera Poste Italiane
Rita Padula, restauratrice della Ocra sr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *