San Severino Lucano, domenica 4 agosto le ultime note del Pollino Music Festival

FotoPMF13_2agostoSarà un viaggio nel tempo e nello spazio quello che il Pollino Music Festival 2013 proporrà nella serata finale, in programma domenica 4 agosto. A partire da San Severino Lucano, che da venerdì 2 agosto fa da cornice alla XVIII edizione del PMF, il pubblico verrà condotto verso il Brasile a passo di capoeira, frevo e caboclinho, grazie alla compagnia Cia Soma Danca, ospite nell’ambito del Brasilicata Tour. Le ballerine Maria Eugenia Almeida e Marina Abib apriranno le danze in Piazza Marconi, alle ore 19:00, mentre dalle ore 20:00, in Piazza San Vincenzo, la scaletta musicale vedrà alternarsi diversi artisti, in attesa della gran chiusura, affidata agli Africa Unite e al loro speciale tour “Babilonia e Poesia”, che fa rivivere il mitico album del 1993.

Una babele di suoni avvolgerà gli spettatori e venti nordici caleranno sul Parco del Pollino con l’arrivo delle Trees Take Life, prime a salire sul palco. Ambientazioni nordiche disegnate con parole oniriche e fantasiose e con chitarra, glockenspiel, melodica, toy piano e synth saranno lo scenario di un viaggio suggestivo, in un mondo di immagini fatto musica.

Anche Roberta Carrieri, la cantautrice e attrice pugliese che darà il cambio alle Trees Take Life, proporrà sul palco del Pollino Music Festival la sua scrittura visiva, quella del  recente lavoro discografico “Relazione Complicata”, ispirato al libro “Donne che amano troppo” della psicoterapeuta americana Robin Norwood, in cui il tema delle dipendenze affettive viene affrontato con leggerezza e ironia. Fuori programma, con lei sul palco, il cantante Andy Macfarlane, già leader degli Hormonauts, attualmente frontman dei Rock’n’Roll Kamikazes.

Suoni e immagini continueranno a fondersi nella performance del writer e rapper brasiliano Fikore. I suoi graffiti, caratterizzati dal grande impatto delle forme geometriche, sono un po’ ovunque a Vitória, la capitale dello stato di Espírito Santo, in Brasile, dove è nato il festival Espirito Mundo, con cui il Pollino Music Festival ha avviato un progetto di scambio culturale internazionale, nell’ambito del quale sarà ospite anche la band Cidade do Reggae, giovane formazione d’oltreoceano che, insieme ai satrianesi Basiliski Roots, freschi della pubblicazione del loro primo album, “Basilonia”, segnerà l’arrivo della musica in levare.

Con il reggae lucano e quello brasiliano, terminerà l’attesa dei big di quest’anno, che chiuderanno la XVIII edizione. Gli Africa Unite, dopo aver festeggiato da poco i trent’anni di attività, hanno riportato su strada il disco del botto, ricomponendosi per l’occasione con gli storici membri del gruppo. La formazione vedrà quindi Madaski (voce e tastiere), Bunna (voce e chitarre), Papa Nico (percussioni), Max Casacci dei Subsonica (chitarre e voce), Paolo “The Angelo” Parpaglione (sax e voce) e Gianluca “Cato” Senatore (basso) dei Bluebeaters, Mauro “Turbinator” Tavella (live dubbing) e Sergio “Drummy Sir Giò” Pollone (batteria).

Domenica sarà l’ultimo giorno per visitare i graffiti della mostra “SUN EXP(L)O’“ e le fotografie della collettiva “IN SOLITO LUOGO”. Il Pollino Music Festival è realizzato in collaborazione tra l’Amministrazione Comunale di San Severino Lucano e l’Associazione Culturale Multietnica di Potenza, che ne cura la progettazione, l’organizzazione e la direzione artistica. L’ingresso a tutti gli spettacoli è gratuito. Info e aggiornamenti sono disponibili sul sito www.pollinomusicfestival.it, oltre che sulla pagina e sul gruppo Facebook “Pollino Music Festival”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *