Sanità, Martorano incontra i sindacati

Ieri mattina l’assessore alla Salute, Attilio Martorano, ha incontrato i sindacati regionali Cgil, Cisl e Uil, per aprire un confronto costruttivo sulle principali questioni attinenti alla sanità lucana. Durante la riunione è stato affrontato il tema della riorganizzazione dei servizi ospedalieri e territoriali avviata dalle Aziende sanitarie lucane dopo la legge regionale di assestamento di bilancio. Si è discusso anche della necessità di accorciare i tempi di attesa per le prestazioni diagnostiche e sanitarie e delle strutture di Pronto soccorso. In particolare, hanno ribadito i sindacati, è necessario un filtro per i cosiddetti “codici bianchi”, cioè le non urgenze che si presentano spontaneamente ai Pronto soccorso, e che naturalmente incide sul carico di lavoro del personale medico e infermieristico, rallentando i tempi delle visite e dei ricoveri per gli altri codici.

L’assessore Martorano ha risposto assicurando che è in dirittura d’arrivo la proposta del tavolo tecnico con Agenas sulla continuità assistenziale, che alleggerirà il carico di lavoro dei Pronto soccorso. La riorganizzazione in atto dell’attività per acuti e dei servizi distrettuali, inoltre, consentirà di rimodulare la presenza di personale nelle strutture, in modo da garantire tempi veloci ed efficienza delle prestazioni. Nella riunione si è parlato anche della questione ticket, su cui i sindacati hanno espresso alcune valutazioni. Nella riunione si è parlato anche dei ticket, su cui i sindacati hanno espresso alcune valutazioni, che l’assessore Martorano ha giudicato “utili spunti di riflessione”.

Nel sottolineare che qualsiasi proposta di revisione dei criteri di applicazione dei ticket sulla specialistica dovrà necessariamente essere approvato, preventivamente, dal Tavolo “Massicci” istituito dalla Conferenza Stato-Regioni, Martorano si è riservato di valutare le richieste avanzate dalle organizzazioni sindacali, anche alla luce del dibattito in corso di svolgimento in Consiglio Regionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *