Sequestrati beni per 50 mln di euro ad un imprenditore di Gravina in Puglia

I Carabinieri hanno sequestrato beni per di 50 milioni a carico di Giuseppe Cassone, imprenditore 68enne di Gravina in Puglia (Bari). I sequestri riguardano 6 società che si occupano della commercializzazione di slot machine e videogiochi, 3 società di servizi, un albergo, un ristorante, 12 appartamenti, quattro ville, otto locali commerciali, 14 automezzi e 38 conti correnti.
Cassone ha precedenti penali per truffa, bancarotta fraudolenta e falso. Le indagini del Reparto operativo hanno evidenziato una notevole sproporzione tra il patrimonio accumulato dall’imprenditore e il reddito dichiarato che, secondo i parametri Istat, non sarebbe bastato per mantenere la propria famiglia. Inoltre la costituzione e la gestione delle molteplici società riconducibili a Cassone erano intestate a familiari o a soggetti che fungevano da prestanome, che di fatto era diventato una sorta di monopolista delle attività delle scommesse nell’area delle Murge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *