Sgominata gang di ‘topi di spiaggia’ a Vieste

Due arresti e due denunce: è il bilancio dell’operazione condotta dai carabinieri della tenenza di Vieste che hanno bloccato un gruppo di giovani provenienti da Foggia, che da un po’ di tempo avevano preso di mira i lidi della zona, rendendo la vita difficile ai e ai turisti. I quattro, un 20enne, un 19enne e due minori (questi ultimi denunciati), sono stati sorpresi con le mani nel sacco mentre rubavano borselli, cellulari, oggetti oro e altro materiale di valore, lasciati dai turisti sotto l’ombrellone mentre facevano il bagno. A segnalare la loro presenza, la denuncia dei proprietari di stabilimenti balneari, che non riuscivano a capire chi rubasse borsette e telefonini agli ignari bagnanti. Il gruppetto, che si spostava a macchia di leopardo sul lungomare del centro turistico, è stato individuato e segnalato ai carabinieri, che lo ha pedinato e bloccato. Nella tenda utilizzata dai quattro, sono stati trovati altri oggetti razziati di recente. La refurtiva è stata restituita ai legittimi proprietari. Per i due maggiorenni, su disposizione dell’autorità giudiziaria, sono scattati gli arresti domiciliari presso le proprie abitazioni in attesa essere sottoposti al giudizio con rito direttissimo; i due minorenni sono stati denunciati in stato di libertà. I due maggiorenni, inoltre, sono stati condannati a sei mesi di reclusione e a una multa di 300 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *