Sicurezza sul lavoro, Giordano (Ugl) plaude all’iniziativa del Prefetto

“Plaudiamo all’iniziativa intrapresa dal Prefetto di Matera, dott.ssa Antonella Bellomo, per le attività dell’Osservatorio Provinciale Permanente sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e delle malattie professionali, istituito presso la Prefettura di Matera. L’Ugl lo ha da sempre sostenuto, oggi più che mai c’è la forte esigenza di impegnare la politica, le scuole, le Istituzioni nell’assumere iniziative volte a prevedere che, nel rispetto delle disposizioni e dei relativi principi di autonomia didattica e nell’ambito delle dotazioni finanziarie e di personale disponibili a legislazione vigente, in tutte le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado siano previsti percorsi didattici per la promozione di una corretta cultura della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”.
Lo afferma il segretario provinciale dell’Ugl di Matera, Pino Giordano per il quale, “chiediamo in particolare che i programmi di studio siano riorganizzati in modo tale che una parte dell’orario previsto sia dedicata alla promozione della cultura della prevenzione, nonché all’informazione e alla formazione sulla tutela della salute e sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro. L’Ugl – prosegue il sindacalista – sostiene che bisogna proseguire con la formazione nelle scuole con l’insegnamento della prevenzione nei luoghi di lavoro come materia curricolare e con un il progetto informativo “A Scuola di Sicurezza”, una particolare cura và prestata anche ai rapporti con le parti sociali e con le istituzioni locali (Osservatorio Provinciale su Salute e Sicurezza, messa a punto di specifici strumenti nel settore delle industrie e tutto ciò che vede coinvolto l’uomo al centro dell’attenzione come lavoratore) e nel contempo, consolidare i rapporti con noi Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza. Ottima l’iniziativa del Prefetto, destinata agli studenti delle classi quinte degli istituti Tecnici e Professionali della Provincia di Matera: dalle scuole deve diffondersi lo sviluppo delle relazioni con tutti i soggetti del territorio che possono essere coinvolti in attività di prevenzione – continua Giordano -, per l’Ugl resta una priorità da perseguire allo scopo di affrontare con qualche probabilità di successo i problemi posti dal contesto produttivo caratterizzato dalla frammentazione delle imprese, dalle nuove tipologie dei rapporti di lavoro, dalla presenza di lavoro nero e irregolare, dalla crisi economica. Gli adolescenti devono comprendere che ‘la tragedia delle morti bianche ed i continui e numerosi incidenti sul lavoro – conclude il segretario Ugl, Giordano- impongono con urgenza un forte impegno delle Istituzioni e delle forze politiche, nel rispetto di quel fondamentale principio costituzionale che sancisce la tutela del lavoro e della sua dignità’”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *