Situazione difficile nel penitenziario di via delle Cererie a Matera

“Gravi situazioni nel carcere materano, con l’amministrazione dormiente ”, ad affermarlo Vito Messina, il segretario regionale dell’Unione Sindacati di Polizia Penitenziaria, ho scritto ai vertici dell’amministrazione locale che regionale: ogni giorno ormai nelle strutture penitenziarie si registrano nuovi episodi di violenza in danno degli agenti di Polizia Penitenziaria, episodi continui che hanno connotati preoccupanti, sia per la graduale escalation che stanno assumendo, sia per gli effetti che hanno provocato e per quelli che potrebbero causare in danno della incolumità fisica del personale in servizio nelle sezioni detentive.
“Vedi gravi fatti accaduti nel carcere Materano” dove ben un detenuto, hanno messo a dura prova, con grossi rischi di ordine e sicurezza nella struttura penitenziaria di Matera, cercando di aggredire un collega. Grazie all’operato dal personale di servizio, hanno evitato la peggio. Le radici di un tale fenomeno sono facilmente individuabili se si tiene conto del battage mass-meditatico cui è stata sottoposta la popolazione detenuta convinta che l’apertura (sconsiderata) delle celle nelle sezioni detentive, la vigilanza dinamica, la norma approvata sul reato della tortura, quest’ultima con evidenti distorsioni sull’applicazione i cui effetti sono ancora tutti da verificare, possano determinare una sorta di immunità per tutto ciò che viene commesso all’interno delle mura carcerarie.
Va anche sottolineato che, ad avviso di chi scrive, soprattutto nell’ultimo quinquennio, il fatto che si sia parlato molto di una riforma del Corpo di Polizia Penitenziaria, o meglio di una possibile trasformazione in Corpo di Giustizia, ha indotto chi guida i penitenziari (anche per necessità non essendo sufficienti le altri figure professionali) ad adottare un criterio sanzionatorio molto blando, se non inesistente, nei confronti di chi compie gesti pregiudizievoli per l’ordine e la sicurezza interna delle carceri. Ciò che è grave è che il detenuto assume atteggiamenti ancora più aggressivi e irridenti nei confronti del personale proprio a causa di questa volontà “normalizzatrice o meglio minimizzatrice”.
È chiaro che in alcuni contesti ci sono sia i Direttori penitenziari che i Comandanti di reparto, i primi dei quali sempre più spesso fungono da mediatori tra il mantenere un regime che dovrebbe essere comunque rispettoso delle regole e le concessioni ai detenuti ristretti che diventano sempre motivo per ridurre l’attuazione delle stesse, mentre i secondi in forte affanno (per la carenza di risorse umane) a trovare una linea di governo del personale che non sia demotivante e deprimente le funzioni chiamate a svolgere a queste donne e uomini in divisa, restano incastrati in un vortice di emergenze come quella del sovraffollamento che non consentono agli stessi una pianificazione degli interventi.
I fatti gravi che si stanno succedendo per fortuna ad oggi non hanno avuto epiloghi fatali per i malcapitati agenti che sono incappati in gesti sempre (va detto) più spesso messi in atto da soggetti che nel carcere dovrebbero non esserci o essere seguiti da figure professionali diverse da quella della polizia penitenziaria. Non è una novità infatti che spesso si tratti di detenuti con problematiche psichiatriche o presunte tali più che soggetti con alto indice delinquenziale.
Alla luce di questa situazione che a nostro avviso rappresenta la punta di un iceberg, non ci resta che chiedere a codesto Provveditore valutare, unitamente agli Uffici Dipartimentali, così come anche caldeggiato dall’ex Ministro dell’Interno Matteo Salvini, con nulla di fatto, dal Ministro Guardasigilli BONAFEDE abbia ipotizzato un’estensione dell’avvio dei test sulla pistola elettrica “TASER” anche alla Polizia Penitenziaria, purtroppo cosa che non ha ritenuto opportuno.
L’ostracismo con cui potrebbe essere accolta una sperimentazione finalizzata all’utilizzo di quello che è uno strumento certamente meno offensivo delle armi attualmente in dotazione che, è bene ricordare, sono utilizzate solo nei servizi esterni e per le funzioni di pubblica sicurezza rivestite dal personale anche fuori dal servizio, deve essere messo sulla
bilancia degli effetti benefici che un deterrente del genere potrebbe determinare con certezza.
Questo in attesa che si valutino anche modifiche legislative alle norme che riguardano questi odiosi reati commessi in spregio della dignità della persona che nella loro funzione rappresentano le istituzioni Repubblicane e, non ultimo, nella speranza che si profilino modifiche all’ordinamento penitenziario affinché si realizzi un percorso di inasprimento della possibilità di accesso ai benefici di legge (misure alternative in primis) per coloro che si rendono protagonisti di tali odiosi e pericolosi atti contro la polizia penitenziaria e le altre forze dell’ordine, anche questo l’attuale Ministro Guardasigilli, sembra non ha ritenuto far inserire nel decreto sicurezza bis.
Di certo questo strumento non sarebbe il solo di cui necessita il Corpo, che ovviamente ha bisogno principalmente di risorse umane almeno per ripianare la grave carenza nell’organico falcidiato da norme fratricide e decisioni prese senza valutarne gli effetti. A riguardo le dichiarazioni stampa del Capo del Dipartimento (seppur ci vi sono stati arruolamenti di recente) necessitano di essere esplicitate perché temiamo si tratti solo di un palliativo mediatico, qualora sia riconducibile solo al reintegro del turn over, di pari sesso che non avviene di recente.
Nello spirito di contribuire a mettere in sicurezza il lavoro degli operatori di Polizia Penitenziaria, è auspicabile dunque che codesto Dipartimento dia anche seguito all’intento di avviare una serie di confronti che possano tracciare un percorso da compiere affinché ne benefici anche il risultato che lo Stato è tenuto a corrispondere alla società.
Vi è da ricordare che anche gli ultimi, sono stati fatti interventi nella struttura, tipo apertura di un nuovo reparto molto particolare e non solo oggetto di nostra dura presa di posizioni pochi giorni orsono. Ciò che fa molto riflettere, vi è da dire che tutto questo va contro le logiche del solito piagnisteo che si assiste ove l’amministrazione decanta una grave carenza di dotazione di organico, in ogni incontro che ha con le rappresentanze dei lavoratori, ove si va a discutere dei benefici, dei turni e sicurezza dei lavoratori, cosa che il lavoratore si è visti assottigliati nel tempo, a causa di quanto da loro prospettato, con la complicità di alcune Sigle sindacali filo amministrazione.
Per Noi della USPP, Sicuramente la situazione materana non è delle migliori, anzi, tutt’altro, ma il sindacato non può annuire davanti a queste colossali prese in giro, perché se l’amministrazione ragionerebbe come la massaia, non aprirebbe nuovi reparti detentivi, se non davanti ad un incremento serio di una giusta dotazione organica, altrimenti la logica è diversa, proprio per queste ragioni che a breve la USPP scenderà in piazza a manifestare il nostro dissenso, investirà la Politica farà qualsiasi azione consentita a contrastare questo modus operandi, di giocare al massacro della Polizia Penitenziaria, con il silenzio assenso di buona parte di chi ha responsabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *