Snop Automotive, Urbano (Ugl): “Oltre i soliti schemi piramidali di rappresentanza”

“Oggi nel registrare malessere industriale lucano, in controtendenza non possiamo che prendere atto su quanto di positivo sta facendo l’azienda  Snop Automotive Italy che nella sua sede di Melfi, in un momento di grande difficoltà occupazionale, riesce a garantire la produzione nel settore automobilistico tra cui, puntoni per l’auto Jeep Renegade per  l’Fca Melfi, aste e braccetti in produzione per Messico e Brasile. L’Ugl in tale azienda sarà partecipativa, collaborativa e metodica a tutela dell’occupazione e soprattutto dei lavoratori”.

E’ quanto sostiene il neo eletto rappresentante sindacale unitario dell’Ugl metalmeccanici di Melfi (PZ), Mario Urbano, a margine dell’incontro svoltosi con il suo direttivo di Melfi.

“Il brillante risultato che la Ugl Metalmeccanici ha conseguito nella Snop, ha visto l’autorevolezza dell’Ugl, che ci ha ripagato dell’impegno profuso nella tutela dei diritti, dei bisogni dei lavoratori: ora, con le giuste motivazioni conferiteci per proseguire a svolgere il mandato che ci viene affidato – prosegue l’Rsu, Urbano, saremo nella Snop Automotive sempre al servizio di tutti i lavoratori. La Ugl si è proposta, coerentemente con i propri principi di politica sindacale, come un riferimento di rappresentanza responsabile, affidabile e partecipativo in grado di coniugare la tutela dei diritti dei lavoratori con lo sviluppo dell’azienda, finalizzando il proprio impegno alla valorizzazione di un territorio già troppo svantaggiato per le critiche condizioni infrastrutturali e di logistiche. L’azienda – conclude Urbano – sappia che il nostro sindacato vede oltre i soliti schemi piramidali di rappresentanza: saremo punto di riferimento solido per aiutare a produrre sempre di più nella speranza di poter creare nuova occupazione e, sentinelle per tutti quei lavoratori che vorranno affidarsi alla rappresentanza di un Sindacato che ha fatto del buon senso, l’equilibrio e la responsabilità i propri valori identificativi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *