Tancredi (UGL) su sporcizia mare Policoro

“Assurdo ciò che sulla fascia Jonica Metapontino si è registrato a ridosso dei lidi di Policoro: potrebbe essere messa in discussione la stagione balneare con incalcolabili danni oltre che alla perdita di centinaia di posti di lavoro. Ciò và scongiurato e categoricamente evitato”.

E’ quanto denuncia il segretario regionale generale dell’UGL Basilicata, Giovanni Tancredi il quale, “i nostri mari tranquillamente definiti ed attestati con riconoscimenti di ‘Bandiere blu’, tra i più puliti dell’Italia, ciò che si sta’ registrando in questo periodo nel mar Ionio ed in special modo a ridosso della fascia Policorese, è di una inaudita vergogna. Per gli incolpevoli e paganti cittadini Lucani e non, oltre al danno anche la beffa, costretti a subire puzza, mare sporco, rischi di infezioni e malattie, lamentele ed abbandoni di turisti e villeggianti, perdite economiche ed ora anche la sgradevole considerazione di sporcaccioni del mare da parte di incivili. Policoro è ormai esposta allo scherno e ridicolo, tutto ciò è davvero troppo e non può essere consentito, ed è per questo che l’UGL Basilicata – prosegue Tancredi – chiede all’Amministrazione Regionale in carica un atto che può ridare dignità alla collettività maltrattata e tradita. Alghe, liquami ed escrementi fognanti, meduse, chiazze oleose, tutto concentrato ultimamente su Policoro conditio anche ciò che trasportano i venti dal il canale Idrovora di Metaponto, oramai una fogna a cielo aperto. Tempestivo ed un dovuto ringraziamento và dall’UGL ai responsabili della Capitaneria di Porto competente della fascia Jonica, al Sindaco della Città ed al consigliere comunale, Rocco Leone e Pino Ferrara che, tempestivamente su nostra segnalazione sono intervenuti a verificare ciò che nelle acque accade. Sebbene la cosa sia stata già segnalata anche a tutti gli organi preposti al controllo con l’unico risultato ottenuto l’intervento dell’Amministrazione Comunale, senza che nessuno altro abbia affrontato il problema, ci auguriamo che la Regione Basilicata si adoperi a stimolare gli Enti di controllo e verifiche di ciò che accade rammendando – conclude Tancredi – che se salta la stagione estiva in corso con perdite di centinaia posti di lavoro, veramente possiamo definire la morte annunciata della ‘California del Sud’ “.

Ufficio stampa UGL Basilicata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *