Tassa ZTL a Matera, nota di plauso di Cna, Confapi ed Anitrav all’assessore comunale Angelo Montemurro

Raramente un politico torna sui propri passi e quando lo fa dimostra di essere persona accorta ed intelligente. Questo il primo commento delle associazioni di categoria CNA Confapi ed Anitrav rispetto alla positiva risoluzione della controversia che opponeva, da un lato i tassisti e i noleggiatori, e dall’altro l’amministrazione comunale in merito alla introduzione della tassa di ingresso ambientale per accedere alle ZTL cittadine ( Sassi e Centro storico).Dopo diverse riunioni al termine delle quali si è provveduto a smussare le diversita’ di vedute che generavano tensione nei due fronti contrapposti si è concordemente giunti alla affermazione di alcuni principi basiliari quali: paga di più chi più inquina come pure paga di più chi ha una maggiore capacità di trasportare persone; paga di meno sino ad arrivare a quota zero chi meno o per niente inquina.
Una volta affermati tali principi ci si è poi concentrati sugli importi da pagarsi a carico dei singoli operatori, ricordando che la proposta iniziale dell’amministrazione era stata quella di richiedere il pagamento di 500,00 euro annuali per ogni autorizzazione taxi ed ncc.
I nuovi importi prevedono, ad esempio, che per un Ncc euro quattro la tassa di ingresso ambientale può variare da euro 41,00 ( 3 posti) sino ai 124,00 euro (9 posti), per un Ncc euro cinque stesso esempio di prima varia da 30 a 90 euro.
Come è evidente notevole e’ stata l’apertura dell’amministrazione che riconoscendo la fondatezza dei rilievi mossi dalle Associazioni, ha poi ritenuto nella figura dell’Assessore Montemurro di rettificare in misura consistente il predetto importo. Che è bene precisare non è assolutamente dovuto per i veicoli elettrici, metano, GPL come pure notevoli sono state le riduzioni per gli autoveicoli classificati euro 5 e 6 ( esenzione totale per i taxi e pagamento ridotto per gli Ncc). Nei prossimi giorni l’attenzione della Amministrazione sarà concentrata sulla predisposizione del regolamento taxi che disciplinerà le modalità di svolgimento del servizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *