Trenitalia annuncia la chiusura dell’OGR di Melfi

Convocare con urgenza un tavolo di confronto sulla vertenza Officine Grandi Riparazioni di Melfi. È la richiesta formulata dai segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Antonio Pepe, Nino Falotico e Carmine Vaccaro, in una lettera inviata oggi al presidente della giunta regionale, Vito De Filippo, e agli assessori regionali alla Mobilità e alle Attività produttive, Rosa Gentile ed Erminio Restaino. Nella lettera i massimi dirigenti dei sindacati confederali lucani denunciano “il gravissimo atto consumato dalla direzione del personale di Trenitalia nei confronti dei 60 lavoratori dello stabilimento Ogr di Melfi che il 17 ottobre scorso si sono visti recapitare la lettera di trasferta comandata avente come motivazione la chiusura dello stabilimento motori di Melfi e il conseguente trasferimento del personale nell’officina di Foggia”. Pepe, Falotico e Vaccaro contestano la decisione dell’azienda e ritengono, insieme alle sigle di categoria Fit-Cisl, Filt-Cgil e Uilt-Uil, che “vi siano ancora tutte le condizioni per salvaguardare l’attività produttiva a Melfi e tenere i lavoratori ancorati al sito lucano”. Per questo hanno chiesto la convocazione di un incontro urgente alla presenza dell’amministratore delegato di Trenitalia, Vincenzo Soprano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *