Tricarico, sabato la presentazione del volume di Alfonso Pascale

locandina radici e gemme_tricarico 9 novembreSabato 9 novembre 2013, alle ore 16.30, nell’ex Biblioteca comunale in via Rocco Scotellaro, sarà presentato il volume di Alfonso Pascale “Radici & Gemme. La società civile delle campagne dall’Unità ad oggi”, prefazione di Franco Ferrarotti. La presentazione è curata da “Basilicata Rurale” e dalla Pro Loco di Tricarico. Indirizzi di saluto di Salvatore Danzi, presidente della C.I.A. di Tricarico e di Angela Marchisella, sindaco di Tricarico. Interventi di Donato Distefano, presidente della C.I.A. Basilicata; di Pancrazio Toscano, già dirigente scolastico; di Andrea Freschi, commissario dell’Alsia; di Ettore Bove, professore ordinario di Economia all’Università di Basilicata; di Angelo Ziccardi, senatore; di Alfonso Pascale, autore del libro. Coordinerà Rino Cardone, giornalista.

“Il saggio di Alfonso Pascale ricostruisce fatti e idee riguardanti i ceti rurali: contadini, proprietari, pescatori, artigiani, mercanti, piccoli industriali del settore alimentare, professionisti e tecnici. Un mondo variegato e fortemente intrecciato coi luoghi degli scambi e con la vita delle città, che ha saputo conquistarsi, in forme originali e a volte contraddittorie, lo spazio politico e sociale per trasfondere nella contemporaneità i propri valori. Non si ripercorrono solo le tappe del processo di costruzione delle forme organizzative con cui si è manifestato il protagonismo rurale ma anche quelle che hanno riguardato l’evoluzione delle culture, dei modi di pensare e della percezione delle trasformazioni socio-economiche che sono avvenute nelle campagne. Un’attenzione particolare è rivolta al rapporto tra uomini e risorse e alle innovazioni tecnologiche e si dà conto dell’ampiezza del sapere tecnico ed esperienziale accumulato nelle campagne riguardante il lavoro dei campi, l’uso delle acque, l’adattamento del territorio, la cura delle piante e degli animali. La tesi che l’autore intende sostenere è che, per fronteggiare i problemi odierni (insicurezza alimentare, cambiamenti climatici, questione energetica, crisi finanziaria), l’agricoltura, nella sua dimensione non solo produttiva ma anche culturale, potrebbe svolgere una funzione essenziale a patto, però, che recuperi la sua originaria funzione di generatrice di comunità. Nel saggio si descrive, pertanto, il fenomeno della nuova ruralità – comparso in Europa tra gli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso – e le forme peculiari con cui si manifesta nelle regioni mediterranee, in continuità con una tradizione che si caratterizza per una maggiore integrazione tra città e campagna, nonché per una diffusa presenza della pluriattività e dell’economia informale. L’odierna ruralità mediterranea non è affatto “nostalgia del mondo rurale”, nuova “arcadia”, bensì rinnovata combinazione di attività in più settori e di soggetti sociali di diversa estrazione e provenienza, legati tra loro da relazioni di tipo collaborativo. La storia delle diverse aree territoriali, del Nord e del Centro-Sud e dei loro protagonisti permette di risalire alle ragioni di lunga durata dei divari economici e sociali che ancora permangono e delle difficoltà nel rapporto tra comunità locali e Stato e nella capacità di assorbire e rielaborare culture che vengono da lontano” (dalla scheda libro del sito dell’editore).

 Vito Sacco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *