Turchia, Bordo incontra il ministro Çelik

“I rapporti tra Italia e Turchia sono sempre stati eccellenti. E’ comunque utile intensificare il dialogo tra i due Paesi e consolidare i rapporti bilaterali, anche in considerazione della richiesta di adesione all’Europa da parte di Ankara. Come è noto, il nostro Paese ha sempre guardato favorevolmente al processo di avvicinamento della Turchia all’Ue, pur se consapevoli delle difficoltà che ci sarebbero state. L’accordo sottoscritto tra la Turchia e l’Europa sui migranti, che ha già portato a una notevole riduzione dei flussi verso il nostro continente, può favorire la riapertura dei negoziati relativi al percorso di adesione e l’accelerazione del confronto tra le parti”. Lo ha detto il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo, del Pd, incontrando il Ministro degli Affari dell’Unione Europea e Capo Negoziatore della Repubblica di Turchia Ömer Çelik.
“La Turchia ha un ruolo e una funzione strategici nel contesto regionale mediorientale. L’Italia apprezza gli sforzi compiuti da Ankara, specie nell’ultimo periodo, per recuperare rapporti diplomatici difficili con alcuni Paesi e per combattere attivamente Daesh, anche subendo conseguenze pesanti in termini di vite umane e sul piano economico per via degli attacchi terroristici. Ora però vanno fatti ulteriori passi avanti per risolvere alcune questioni ancora aperte tra la Turchia e l’Europa, anche al fine di mantenere gli impegni sottoscritti da entrambe le parti in occasione dell’accordo sull’immigrazione. Su alcuni temi sensibili, come la libertà di stampa e le leggi sul terrorismo, occorrerà fare un approfondimento con la Turchia per individuare punti di contatto e, speriamo, una sintesi. Credo, tuttavia, che ci siano gli spazi per arrivare a un accordo. Nelle prossime settimane, per quanto ci riguarda, lavoreremo per avvicinare le posizioni differenti nella speranza che si possa giungere all’individuazione di una soluzione condivisa, anche nel quadro di un più ampio rilancio dell’Ue” ha concluso Bordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *