Valbasento, nuove oppurtunità di rilancio territoriale e economico con il progetto Bioplat-Eu

Ieri, nell’Hotel Nazionale di Matera si è svolto il meeting sul progetto Bioplat-Eu e il settore bioenergetico in Basilicata organizzato dal Consorzio di Sviluppo industriale della provincia di Matera. L’incontro è stato coordinato da Guido Bonati del Centro di Ricerca per l’Economia Agraria (CREA) di Roma. L’obiettivo generale del progetto H2020 BIOPLAT-EU (Ottobre 2018 – Ottobre 2021) è di promuovere in Europa il market uptake di filiere bioenergetiche sostenibili attraverso la coltivazione di terre Marginali, Sottoutilizzate e Contaminate (MUC per il loro acronimo in inglese) per la produzione di biomasse non destinate all’alimentazione umana e/o animale. Assente per impegni istituzionali l’assessore  l’Assessore alle Politiche Agricole e Forestali della Regione Basilicata Francesco Fanelli .Una nuova opportunità per la Valbasento, dichiaral’Amministratore Unico del Consorzio per lo Sviluppo Industriale (CSI) della provincia di Matera, Rocco Fuina.” La Valbasento al centro del progetto presentato oggi a Matera . Le aree delle zone industriali potranno essere utilizzate per realizzare una produzione di biomassa,  utile per per energia, calore e biocarburanti. Il progetto europeo del Crea Bioplat.eu ha inserito due aree italiane Il Sulcis in Sardegna e la nostra Valbasento. Una opportunità in più per diversificare le attività economiche e recuperare sotto il profilo ambientale, delle aree degradate della provincia di Matera. Il CSI sarà impegnato nei prossimi mesi per promuovere le proprie aree industriali per investimenti che prevedono principalmente soluzioni di Economia Circolare e sostenibilità ambientale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *