Venosa, il movimento “La Piazza Pubblica” raccoglie firme per il ricalcolo Tari

Il nuovo movimento “La Piazza Pubblica” di Venosa ha promosso raccolta firme per richiesta “ricalcolo Tari e relativo rimborso” al Comune di Venosa. I servizi pubblici essenziali pesano sempre di più sulle tasche dei cittadini ed è giunto il momento di fare chiarezza sulla tassazione e di richiedere più trasparenza sulle bollette. Vi è stata una buona risposta dei cittadini e le domande sono state trasmesse a mezzo pec corredate dal relativo documento di riconoscimento.

 
Da una approfondimento sulla Tari ed in particolare i costi di gestione è risultato a nostro parere che: Dall’analisi del Piano Economico e Finanziario del 2019, redatto ed approvato per il calcolo delle tariffe TARI, risulta che il costo del servizio dei Rifiuto Solidi urbani è stato coperto come stabilito per legge ma si sono aggiunti costi non imputabili al servizio con una copertura complessiva del 117% del costo effettivo. Infatti considerando i costi del servizio sono stati imputati 192.626,2 euro relativi a costi di gestione della discarica e 123.450,00 euro a costi generali di amministrazione; I costi imputati relativi alla gestione della discarica sono un evidente costo non imputabile alla gestione del servizio RSU rilevanti ai fini del calcolo della tariffa Tari;

Prossimi appuntamenti con i cittadini sono: a) la gestione del servizio acqua e l’Irpef comunale. Nel prossimo mese di settembre ci sarà un incontro dibattito (in Piazza) sul tema “la secessione dei ricchi”.

 

Francesco Castelgrande, coordinatore movimento La Piazza pubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *