Vertenza Poste, CISL e UIL bacchettano la CGIL

Cisl e Uil di Basilicata sostengono con forza e annunciano la propria adesione alla manifestazione promossa da Regione Basilicata e Anci che si terrà domani mattina in occasione del tavolo di confronto con i vertici di Poste Italiane per discutere sul futuro dell’azienda in Basilicata. Lo rendono noto i componenti delle segreterie di Cisl e Uil con delega al settore Carlo Quaratino e Antonio Deoregi. “In continuità con la lunga e determinata vertenza di Poste Italiane, che ha visto impegnate in questi anni le nostre rispettive federazioni, peraltro le più rappresentative del settore, e alla luce della recente mobilitazione che ha visto impegnate Cgil, Cisl e Uil in modo unitario, ci appare quanto meno discutibile e politicamente sbagliata la scelta del segretario provinciale della Cgil Angelo Summa di rompere il fronte unitario senza che si comprenda un solo motivo di questo comportamento che appare più un sostegno a sé stesso che ai lavoratori postali e agli utenti”.

“La nostra battaglia – spiegano Quaratino e Deoregi – è in difesa del servizio postale e dei posti di lavoro nella nostra regione e il nostro impegno è finalizzato a scongiurare il rischio che si consumi l’ennesima spoliazione a danno dei lucani e a vantaggio delle regioni vicine”. Per i due sindacalisti “lo spirito unitario e propositivo di questa mobilitazione lascia ben sperare per l’esito della vertenza, perciò il nostro invito è a mettere da parte certi protagonismi e a lavorare compatti nell’interesse dei lavoratori e della comunità lucana, sempre più vilipesi da Poste Italiane”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *