Vertenza precari Regione, martedì incontro a Potenza

Si terrà martedì 11 aprile 2017, dalle 11.00 alle 13.00, presso la sede della FP CGIL di Potenza, in Via del Gallitello n.163, l’assemblea dei lavoratori precari della Regione Basilicata, convocata da Cgil, Cisl, Uil alla quale sono stati invitati il Dirigente della Giunta regionale di Basilicata e il Dirigente delle risorse umane, oltre che il personale precario dell’ente.
“Apprezziamo molto l’attenzione e l’efficienza con cui le sigle sindacali hanno agito – dichiara Alfredo Morfini, presidente del Comitato per la stabilizzazione dei precari della Regione Basilicata –  nell’accogliere la nostra richiesta di istituire un tavolo di confronto con i rappresentanti dell’ente per richiedere la proroga dei contratti per i 170 profili professionali che lavorano da tanti anni per la Regione Basilicatae per l’adozione di un percorso di stabilizzazione favorito dalla Legge Madia. Il decreto, in via di approvazione definitiva, rappresenta in questo momento una grande opportunità per tutti quei lavoratori che possono essere inclusi nei piani di assunzione triennali a partire dal 2018. La proroga – aggiunge Morfini – è quindi indispensabile proprio per rientrare tra i profili da impegnare nel piano di assunzione, riconoscendo al tempo stesso il diritto al lavoro di tanti professionisti che negli anni hanno acquisito competenze ed esperienze utili alla gestione dei fondi comunitari e di progetti specifici della Regione.
Il Comitato per la stabilizzazione dei precari della Regione Basilicata si è costituito nel mese di febbraio 2017 e conta più di 70 soci aderenti che hanno maturato i requisiti per la stabilizzazione avanzata a livello regionale. E’ apolitico, apartitico e si rivolge a tutti i lavoratori con contratti flessibili che vogliono veder riconosciuta la loro dignità professionale. In questo particolare momento sta stringendo collaborazioni a livello interregionale con altri gruppi di precari che vivono lo stesso problema.
Tra le altre richieste, il Comitato indica come necessario ed utile internalizzare il servizio di Assistenza Tecnica ai fondi europei con contratti a tempo determinato, così come hanno fatto le altre Regioni italiane, non disperdendo le competenze e le esperienze maturate, garantendo dignità, lavoro e stabilità. Inoltre, il Comitato chiede di dare seguito alla mozione approvata all’unanimità in Consiglio regionale che impegna la Giunta regionale a rivedere la propria scelta di affidare attraverso un bando di gara di 35 milioni di euro i servizi di Assistenza Tecnica ad una società esterna, alla luce sia dell’anti economicità della procedura che della opportunità di avere un controllo diretto sull’attuazione dei programmi comunitari, in continuità con quanto svolto fino ad ora.

Per il Comitato Per la Stabilizzazione dei Precari della Regione Basilicata
Alfredo Morfini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *