Via libera al Porto di Taranto

Sono stati quattro lunghi anni difficili, laboriosi e faticosi, soprattutto per l’Autorità Portuale di Taranto. Per rimettere in moto l’offerta del molo polisettoriale di Taranto nel circuito delle compagnie e dei terminalisti che operano nel mondo, infatti, è stato necessario realizzare 1200 metri di banchina, i nuovi fondali, il dragaggio, la “vasca di colmata”, ecc.
Dopo la fuga di Tct-Evergreen & co. (settembre 2014) verso il Pireo (tre linee di navigazione) e verso Bari (una linea), sono stati i Governi Renzi-Gentiloni, attraverso il Mit (ministero infrastrutture e trasporti) e il Cis (contratto istituzionale di sviluppo) a scommettere sul porto di Taranto per il suo indispensabile ruolo nel Mediterraneo con corposi investimenti infrastrutturali. Ricordiamo: 75milioni di euro per la riqualificazione del molo polisettoriale – banchina; 83milioni di euro per i dragaggi; 219milioni di euro per la piastra logistica; 26milioni per i collegamenti ferroviari del Porto.
Per l’accelerazione delle procedure burocratiche, inoltre, sono stati affidati al presidente del Porto i poteri commissariali, svolti egregiamente nella sua duplice funzione dell’avvocato Sergio Prete.
Ed ancora, con il “decreto Sud”, il Porto di Taranto è divenuto capofila della Zona Economica Speciale dello Jonio (Zes interregionale Taranto-Basilicata).
In fine, con la legge 18/2017 è stata emanata la misura straordinaria per la salvaguardia dei livelli occupazionali dei 530 lavoratori ex Tct, attraverso la costituzione dell’Agenzia portuale e lo stanziamento di 18milioni di euro.
A tal proposito, non possiamo dimenticare che anche i lavoratori portuali jonici sono stati protagonisti di questa stagione, per garantire un futuro al Porto di Taranto, all’intera città e all’area jonica. I lavoratori con i loro sindacati sono stati, in questi ultimi tre anni, una straordinaria e quotidiana forza trainante nel sollecitare e sostenere la realizzazione delle infrastrutture al molo polisettoriale e per l’accelerazione di tutte le procedure (bandi e assegnazioni) con la finalità del “ritorno al lavoro per tutti”. Decine e decine di assemblee con i lavoratori ed incontri di aggiornamento con l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Jonio sono state le attività vere, concrete e reali dei lavoratori e delle loro rappresentanze. Perciò si rende obbligatorio un grazie anche a loro.
Occorrono, ora, tempi rapidi per l’insediamento dell’investitore Yilport, affinché nel breve periodo il Porto di Taranto riappaia nella mappa mondiale dei traffici commerciali intercontinentali.

On. Ludovico Vico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *