A Matera l’incoronazione di Miss Cinema Basilicata

Si è tenuta stamane, presso la sala Mandela del municipio di Matera, la conferenza stampa di presentazione della selezione per ‘Miss Italia’. Il concorso per reginette d’Italia è giunto alla sua 77esima edizione, ma non ha mai perso il suo stile unico, fatto di bellezza, voglia di proporsi, intelligenza, cultura e professionalità. Presenti alla conferenza stampa Vincenzo Russolillo, agente regionale per la Basilicata e presidente del Consorzio Gruppo Eventi, nonché Nicola Vista, presidente dell’associazione ‘Stop in squareche’, che ha consolidato il sodalizio con il Concorso Nazionale di Miss Italia in Basilicata.
“Ricercare la più bella d’Italia è un compito arduo e di grande responsabilità. – ha detto Russolillo – Il Concorso non si basa solo sulla semplice sfilata, ma aiuta le miss ad avere cura del loro talento, a valorizzare il portamento, a studiare per essere competitive e sapersi proporre nei diversi ambiti professionali. Le famiglie, poi, svolgono un ruolo importante nel consentire alle ragazze di partecipare al tour nei diversi comuni. ‘Miss Italia’ è una una vera e propria centrifuga per un’intera settimana, ma anche una scoperta continua delle meraviglie dei nostri territori, delle suggestive piazze, dei piccoli borghi lucani. Sono onorato di avere la responsabilità della produzione su La 7, perché è un passo che conferma la grande stima con la famiglia Mirigliani che racconta, da anni, l’evoluzione del costume italiano”.
A Matera, il prossimo 7 agosto, a partire dalle ore 16 presso Casa Cava, sarà assegnata la prestigiosissima fascia di Miss Cinema Basilicata, che consentirà alla vincitrice di staccare già il biglietto per le pre-finali di Jesolo, a fine agosto. La finalissima della kermesse, invece, si terrà il 10 settembre, in diretta televisiva su La 7, e la cui produzione sarà proprio a cura di Vincenzo Russolillo. Il 12, invece, a Policoro andrà in scena il prestigioso ‘Premio Heraclea’, che si conferma l’evento turistico, culturale, artistico e spettacolare, con ricadute importanti in termini di promozione del territorio lucano della Magna Grecia.
“L’occasione rafforza il senso di vicinanza tra i comuni lucani e, nello specifico, valorizza il senso di ‘piazza’, fulcro di attività artistiche, culturali, musicali ed enogastronomiche. Fermarsi in piazza dovrebbe rientrare tra gli obblighi morali dei cittadini vivendo anche un pò l’emozione e il sogno delle aspiranti miss che concorrono nelle selezioni regionali”, ha spiegato Nicola Resta.
Intanto, a Potenza è stata assegnata la fascia di ‘Miss Miluna Potenza’ a Ilaria Cennamo. Miluna, da anni, per le più belle d’Italia realizza le preziose corone, autentiche creazioni orafe e collezioni di gioielli esclusivi. Nel corso della selezione sono stati assegnati altri titoli: Miss Dermal Institute a Valeria Turi, Miss Interflora a Maria Antonella Martinelli, Miss Tricologica a Fiorenza Pavese. Invece il titolo di Miss Miluna terza classificata è andato a Conny Notorstefano. E ancora, quello di Miss Rocchetta Bellezza a Francesca Sorrentino. Miss Mascotte è invece Giorgia Adriana Galluccio.
La tappa di Potenza, per la prima volta, ha visto in giuria la partecipazione anche degli anziani, la sintesi perfetta delle generazioni e di un modo gentile e maturo di concepire la bellezza. Un’idea questa condivisa tra l’assessore comunale di Potenza, Roberto Falotico e l’agente Russolillo. Un’idea comune d’inclusione e attenzione alle fasce sociali più deboli che meritano pieno coinvolgimento nella società grazie anche ad iniziative culturali e di spettacolo. Attenzioni queste in linea con l’impegno della patron del Concorso Nazionale Patrizia Mirigliani che sottolinea quanto Miss Italia, in 77 anni, si sia da sempre schierata accanto ad azioni che tutelano le donne combattendo forme di violenza, di stalking, aiutandole anche nel combattere i tumori e ancora regalando il sogno della passerella anche a reginette dalle forme più morbide. Un modo attento per affrontare il tema dell’anoressia che estremizza il concetto di bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *