A Irsina, evento di musica popolare come veicolo di incantamento tra magia e realtà

Il Comune di Irsina ha organizzato, per il 29 ed il 30 dicembre prossimi, la manifestazione Luigi Di Gianni, la musica popolare come veicolo di incantamento tra magia e realtà. Domenica 29 dicembre
alle ore 18,00, presso il Museo Janora, l’etnomusicologo Pierpaolo De Giorgi, fondatore dei Tamburellisti di Torrepaduli , terrà una conferenza su
Tradizioni meridionali e terapia musicale del tarantismo , con particolare attenzione al  lavoro di ispirazione antropologica : quello del
documentarista Luigi Di Gianni, che ha dedicato alla Basilicata gran parte della sua opera e quello di Antonio Infantino, precursore del ritorno delle tradizioni popolari lucane.
Al termine della conferenza, a cura dei percussionisti e dei danzatori del gruppo, sarà data dimostrazione delle tecniche utilizzate per suonare il tamburello e per danzare la pizzica .
Seguirà la proiezione, in anteprima assoluta, di alcune sequenze inedite tratte dai cortometraggi di Pietro Micucci e di Alessandro Turco sul maestro Luigi Di Gianni.
In particolare, le immagini de L’altra Stanza , di Alessandro Turco, mostreranno il regista, nella sua ultima intervista realizzata, mentre dialoga con una sensitiva, capace di addentrarsi in quel mondo
altro, oscuro e misterioso, che tanto lo incuriosiva e che così profondamente lo aveva stimolato nelle sue ricerche.
Alle 21,00, presso il Palazzetto dello Sport, la serata sarà chiusa dal concerto dei Tamburellisti di Torrepaduli,
iniziatori e interpreti internazionali del genere musicale pizzica, con esibizioni virtuosistiche dei percussionisti del gruppo.
Lunedì 30 dicembre 21,00, presso il Palazzetto dello Sport, verrà presentato lo spettacolo Taran Danze della Compagnia Tarantarte di Maristella Martella,
con Alessandra Ardito, Laura De Ronzo, Manuela Rorro e Giulia Piccinni.
La Compagnia, con scuola a Parigi e a Bologna ed esibizioni in contesti internazionalidi grande prestigio, si fregia anche di aver curato la coreografia di alcune edizioni del Concertone del Festival La Notte della Taranta. Nella serata irsinese, presenterà una performance danzata che accompagnerà lo spettatore in un ideale
viaggio tra le regioni del Sud Italia, attraverso le antiche e potenti danze rituali che le caratterizzano: danze di corteggiamento, di lotta, di euforia e di trance.
La manifestazione del 29 e 30 dicembre, dopo l’evento
Qui l’unico suono è il Silenzio , ideato da Alessandro Turco e svoltosi sempre a Irsina a fine luglio, è un’ulteriore tappa
di avvicinamento all’inaugurazione del Centro Studi Luigi Di
Gianni , luogo non solo di memoria, ma anche di studio, dell’opera di uno dei più accreditati documentaristi europei di
ispirazione antropologica.
Il manifesto dell’evento, di cui si allega copia, è stato realizzato su progetto grafico di Stefania Carofalo.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *