A Pisticci, grandi manovre politiche per le prossime amministrative

Grandi manovre in vista a Pisticci in vista delle prossime amministrative. Il quadro politico è ancora estremamente disarticolato ma i partiti sembrano aver capito che da soli non si va da nessuna parte per cui si è aperta la sfida sul nodo alleanze, con appelli alla coesione e all’unità. Il compito non è facile sia per la presenza all’interno di anime contrapposte che per la differenzazione delle vedute. Il consigliere regionale Nicola Benedetto, dopo aver auspicato la candidatura a sindaco di una rappresentante del gentil sesso, ha invitato le forze di centro sinistra ad unirsi per costituire un grande gruppo in grado di vincere le elezioni. Intanto Il Pd, la Lista Civica dei Cittadini e il Patto Democratico sono molto vicini all’intesa, anche se rimane da sciogliere il nodo sul candidato sindaco. Sulla stessa direzione sembra andare la civica di ispirazione di centrosinistra costituita da Antonio D’Angella, disponibile ad entrare nel gruppo. Il quadro delle forze politiche in campo si arricchisce intanto di nuovi soggetti. “Riavvicinare i giovani alla politica e creare una nuova classe dirigente, ispirandosi a Gaetano Salvemini” è l’obiettivo che si propone la civica Rinnovamento Democratico, composta da ex militanti di Rinnovamento Italiano e di giovani e che pure si colloca nell’area di centro-sinistra per partecipare con pari dignità alla costruzione di una coalizione vincente e, soprattutto, a governare stabilmente per tutta la durata della legislatura con un ambizioso progetto politico di ampio respiro che coinvolga direttamente i cittadini per “ rafforzare l’identità lucana troppo spesso dimenticata dai partiti tradizionali anche sfruttando le opportunità che il federalismo può riservare”. Si allarga sempre dunque il fronte di centro-sinistra, che, forte di questi numeri si candida a vincere le elezioni. Rimane da definire la posizione di Dc, Nuovo Psi e Sel. In casa Pdl sembra sfumare la convergenza su una possibile intesa con FLI, che potrebbe invece aprirsi al Terzo Polo. “Il coordinatore cittadino di Fli Domenico Lazazzera e la Dirigenza del Partito -si legge in una nota -esprimono compiacimento per l’ingresso dei Liberali Cristiani e dell’Udc nel Terzo Polo o Polo della Nazione e dichiarano la piena disponibilità a collaborare insieme per creare una nuova stagione fatta di sviluppo, crescita economica e sociale e a creare allo stesso tempo un rinnovamento radicale della classe politica”. Ma Fli pone una pregiudiziale imprescindibile circa l’incompatibilità con alcuni personaggi. Un riferimento chiaro all’ex sindaco Michele Leone che inaugura in questi giorni la sede dell’UDC, partito nel quale è confluito.

Giuseppe Coniglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *