A rischio le posizioni contributive di centinaia di lavoratori pugliesi iscritti alla gestione separata INPS

Il problema dei periodi contributivi mancanti o incompleti sembra interessare in particolare coloro che a vario titolo (collaboratori, assegnisti di ricerca, dottorandi di ricerca) lavorano presso le Università e gli Istituti di ricerca pubblici e i collaboratori della Pubblica Amministrazione (ministeri, agenzie, comuni). Il possibile danno subito dai lavoratori è particolarmente rilevante in quanto il mancato accredito effettivo di tutti, o di parte, dei contributi non dà accesso alle prestazioni temporanee e sociali (maternità, malattia, congedo parentale, da ultimo l’una tantum co.pro). A ciò bisogna aggiungere il possibile danno che questi lavoratori avranno allorquando dovranno verificare la propria posizione contributiva per accedere alla pensione.

Per queste ragioni CGIL, FLC, FP, Nidil e INCA hanno indetto una campagna nazionale sui mancati versamenti contributivi dei lavoratori iscritti alla Gestione separata INPS. La campagna partirà mercoledì 5 giugno in alcuni luoghi simbolo scelti in altrettante regioni. Per la Puglia, dove il fenomeno potrebbe riguardare diverse centinaia di persone, l’appuntamento è, a Bari, dalle 9.30 alle 13.00, presso l’Ateneo dove verranno allestiti banchetti dove gli interessati riceveranno informazioni e consulenza sul proprio rapporto di lavoro e sull’estratto conto contributivo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *