A Vico Equense, viaggio nella storia nell’Antiquarium Silio Italico

A Vico Equense, in provincia di Napoli, l’Antiquarium Silio Italico conosciuto anche con il nome di Antiquarium Aequanum, ubicato nel Palazzo Municipale,  raccoglie i reperti archeologici ritrovati fin dagli anni Sessanta in via Cortile e via Nicotera. Tre stanze e otto vetrine raggruppano circa 200 reperti di varie civiltà (greca, etrusca e italica), raccontano dell’antichità del territorio che lascia tracce a partire dal VII secolo a.C. e procede fino all’età romana. Vasi a figure nere e figure rosse, bronzi etruschi e campani, ceramica corinzia ed ionica, buccheri e ceramica attica a vernice nera.

Dell’antico abitato nulla resta avendo avuto continuità di vita l’insediamento nello stesso luogo, ci sono invece tracce più consistenti provenienti dalle necropoli, circa 200 tombe cronologicamente databili dal VII secolo a.C. al IV secolo d.C., disposte lungo le vie Santa Sofia e Nicotera, seguendo l’antico asse stradale che portava fino a Stabiae. Nell’antiquarium sono presenti alcuni reperti recuperati negli scavi degli anni 1960-1970. Tra il vasellame bronzeo della necropoli arcaica di Vico Equense sono presenti calderoni, situle, brocche e bacini.

Dal lunedì al venerdì 9:00-13:00, Martedì e giovedì anche 15:30 – 18:30

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *