A Villa Roth una serata di festa e solidarietà

A Bari, nel popolare quartiere San Pasquale, si trova un antico e affascinante immobile di proprietà pubblica del Comune, Villa Roth, dove dall’ottobre scorso vivono insieme più di quaranta persone tra migranti provenienti dall’ex tendopoli Set e nativi. La riapertura e il recupero di Villa Roth è il frutto di un percorso di rivendicazione per un’accoglienza dignitosa e di partecipazione attiva di associazioni, collettivi, singoli e singole. Gli e le abitanti di questa esperienza esemplare di autogestione a scopo abitativo sono contenti di ospitare una tappa di una carovana di solidarietà che parte da Zurigo alla volta di Salonicco.
Anna Andel (greca), Angela Siciliano (italiana), Victoria Avila (Italo-spagnola-svizzera) e Reto (svizzero) faranno tappa a Bari prima di raggiungere la Grecia dove sono dirette con un carico di farmaci e medicinali raccolti in questi mesi grazie ad una grande campagna di solidarietà che ha coinvolto tutta la comunità di Zurigo e non solo. I farmaci saranno consegnati ad un gruppo di medici volontari che, in seguito alla profonda crisi greca offrono gratuitamente assistenza sanitaria non solo a rifugiati e migranti, ma anche a tutti i cittadini greci che ne hanno bisogno.
A fare da cornice alla serata ci saranno i racconti di chi abita questo posto, come l’esperienza di SfruttaZero un progetto di autoproduzioni di salsa di pomodoro, di tipo cooperativo e mutualistico, promosso da precari e migranti, che mira a realizzare una filiera pulita del pomodoro, dalla semina alla distribuzione, per costruire sul territorio relazioni ed economie solidali.
Sarà presente inoltre, anche Netzanet – Solidaria e l’Associazione Link di Altamura con il progetto Time for future, che promuove le pratiche dell’autoproduzione con giovani volontari internazionali. Anche in questo caso si pone l’accento sul tema dell’immigrazione, sul caporalato, sullo sfruttamento dei braccianti nei campi di pomodoro (e non solo) e sul bisogno di economie pulite e solidali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *