Adoc Basilicata chiede a Egrib i dati per la correttezza delle tariffe per il servizio idrico

Da oltre due mesi l’Adoc di Basilicata ha chiesto a Egrib (Ente di Governo per i rifiuti e le risorse idriche della Basilicata), i dati necessari a verificare la correttezza delle tariffe applicate ai cittadini lucani per il servizio idrico.
Ad oggi le richieste dell’Adoc e delle altre associazioni dei consumatori di Basilicata sono state ignorate, perciò l’Associazione che opera in difesa dei consumatori ha deciso di rivolgersi ad Arera – Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente – per ottenere i dati necessari a verificare la correttezza dell’Operato dell’Egrib. Lo ha confermato il presidente Canio D’Andrea, che ha anche sottilineato come, dai calcoli fatti dall’Adoc, risulta che le tariffe, rispetto al dovuto, sono maggiorate per tutte le categorie di utenti.
“Tuttavia, poiché per avere la certezza occorre avere dati precisi, l’Adoc non vuole formulare nessuna accusa, certo è che la reticenza dell’Egrib non depone bene.- ha continuato D’Andrea – L’Adoc di Basilicata spera che il ritardo nell’invio delle informazioni sia dovuto solo alla pausa estiva, tuttavia non è possibile tollerare oltre l’assordante silenzio in materia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *