Agenti aggrediti a Foggia, lo sfogo di Stefano Berardino

“I politici ci hanno abbandonati a noi stessi ormai da 10 anni e adesso, a pochi mesi dalle elezioni, attestano solidarietà al collega aggredito. Sono anni che chiediamo di essere messi nelle condizioni di poter lavorare e di poterci difendere e, tranne qualche piccolo segnale venuto dalla Lambresa e da Arcuri, per il resto nulla. Se il Comune dovesse costituirsi parte civile nel processo contro l’aggressore al nostro tenente, saremo grati all’assessore Arcuri”. E’ lo sfogo di Stefano Berardino, agente di Polizia Municipale ed esponente della UIL Funzione Pubblica di Foggia, che è tornato sull’episodio di martedì, quando due agenti della Polizia municipale sono stati aggrediti a Foggia, in Piazza Cesare Battisti, davanti al Teatro ‘Giordano’.

La pattuglia, con a bordo quattro agenti, ha fermato una macchina che transitava nella zona pedonale, peraltro contromano. Quando i due occupanti del mezzo sono scesi, ne è nato un acceso diverbio con gli uomini in divisa, culminato, poi, con l’aggressione ad un tenente della Municipale, colpito con un pugno al volto e medicato al Pronto Soccorso. I due, dopo essersi rimessi in macchina, hanno guadagnato la fuga facendo perdere le proprie tracce.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *