Aggredito poliziotto penitenziario a Potenza

Il segretario regionale dell’USSP, Vito Messina, interviene attraverso una nota, cui fa sapere di avere interessato i vertici del Penitenziario Potentino al fine di capire quanto appreso dai mezzi di informazione, di una aggressione a danno di un collega presso la struttura Penitenziaria Potentina, visto i fatti descritti, sono rimasto sconcertato. Messina continua, per queste ragioni che ha chiesto ai vertici della struttura Penitenziaria, di conoscere cosa sia effettivamente accaduto e quali precauzione abbia messo in campo a tutela del personale. Continua il sindacalista, da quanto si apprende la tentata aggressione non è andata a buon fine, grazie alla destrezza e professionalità mostrata del personale impiegato, cui ha evitato la peggio, in ogni caso l’amministrazione ha provveduto ad allontanato i soggetti che hanno cercato di commettere questo gesto, essendo soggetti ben noti.
Continua, da tempo infatti denunciamo come sindacato, le condizioni a dir poco disumane in cui si lavora presso le strutture carcerarie della regione. Basta dire che in più occasioni abbiamo sollecitato il Provveditore regionale
Puglia-Basilicata a prendere atto di questa situazione emergenziale e di intervenire per tentare questa situazione ormai al collasso. Ci auspichiamo che ci sia un cambio di indirizzo, che vengano elaborate regole di ingaggio chiare, da adottare nei casi di limiti, al fine di garantire la sicurezza a 360° per gli utenti e operatori. Purtroppo continuiamo a registrare segnali, che ci portano a pensare che la situazione potrebbe precipitare da un momento all’atro, visto che di recente abbiamo denunciato altre gravità
Visto quanto accade sul territorio Nazionale, ci auspichiamo che con i cambi dei vertici del DAP, questi possano prendere atto, seriamente, dello stato che riversa oramai il sistema penitenziario, nel suo complesso, che sia da monito al fine di promuovere iniziative tese a risollevare le sorti del settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *