Al ‘Forum’ di Imperia il progetto materano della Dieta mediterranea

Nel segno dei sapori genuini per celebrare a Imperia, dal 17 al 19 novembre, con un Forum sulla Dieta Mediterranea a un anno dal riconoscimento dell’Unesco che ha inserito l’alimentazione mediterranea tra i beni immateriali da tutelare. A quell’appuntamento ci sarà anche la Camera di commercio di Matera, con il suo progetto di ricerca, che ha portato alla riscoperta di tecniche, piatti tipici, preparati da cuochi e buongustai che fanno parte di un dvd tematico e dell’Archivio della memoria, della gastronomia, cucina e gente della nostra terra. Toccherà al presidente della Camera di commercio, Angelo Tortorelli, al segretario generale Federico Sisti e al coordinatore del progetto, Umberto Montano, illustrare la validità della “Dieta mediterranea”, come stile di vita e modello di export. E ci sarà anche la possibilità di gustare pietanze e prodotti della dispensa materana di ‘dieta mediterranea’. Nel programma della manifestazione sono previsti gli interventi di esperti e rappresentanti del mondo agroalimentare italiani e stranieri, che contribuiranno a concretizzare le attività progettuali del Forum. Tra queste figurano la presentazione del progetto sul disciplinare d’uso della dieta mediterranea patrimonio Unesco, e il lancio, a cura della Rete delle città dell’olio del Mediterraneo, della candidatura del Paesaggio olivicolo mediterraneo quale patrimonio dell’Umanità.

“Il Forum della dieta mediterranea di Imperia – ha detto il presidente della Camera di commercio, Angelo Tortorelli – pone grande considerazione al ruolo che il nostro Ente sta svolgendo su scala nazionale in questo settore per aver attivato azioni di valorizzazione delle produzioni agroalimentari, olivicole, vinicole e gastronomiche. Un modello da seguire, il nostro, che ha ricevuto attestazioni presso Unioncamere e altre realtà camerali, in quanto lega ricerca, amore per i sapori genuini e promozione del territorio che ci stanno portando a realizzare a Matera il Centro Internazionale per gli Studi e la Cultura della Dieta Mediterranea”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *