Al via nuovi interventi per l’integrazione sociale dei disabili in Puglia

Grazie ad una convenzione tra Regione e Adisu Puglia, presto partirà la prima sperimentazione delle vacanze in autonomia delle persone disabili. La Giunta regionale ha infatti approvato la convenzione tra Regione e Adisu Puglia (Agenzia Regionale per il diritto allo studio universitario) per la realizzazione della prima sperimentazione regionale di modalità innovative per promuovere le vacanze in autonomia delle persone con disabilità, a partire dagli studenti universitari che frequentano l’Ateneo. La convenzione riguarda la prima annualità di sperimentazione e, con uno stanziamento di 45mila euro, prevede l’articolazione di una serie di interventi che si svilupperanno nell’offerta di servizi turistici e sociali per le persone con disabilità.
Sotto la guida dell’Adisu, saranno selezionati gli studenti universitari che vogliomo sperimentare un percorso dedicato di vacanza indipendente per i disabili, perchè la sfida è dimostrare che, seppure con supporto specifici, i ragazzi con disabilità possono viaggiare insieme a tanti altri loro coetanei. Si continua, insomma, a lavorare sulla scia del programma regionale per la vita indipendente, introducendo insieme ai PROVI, di cui è immimente l’approvazione del nuovo avviso, anche la prima sperimentazione di vacanze indipendenti per ragazzi con disabilità, selezionati tra gli studenti universitari.
“In Puglia manca un sistema coordinato di interventi che consentano ai nostri giovani con disabilità di fruire di servizi dedicati nel tempo libero e che permettano di beneficiare in autonomia di servizi anche innovativi – ha detto l’assessore regionale al Welfare, Salvatore Negro – Abbiamo iniziato da qui, avviando questa prima sperimentazione con l’Adisu, per i giovani che frequentano l’Ateneo salentino, mettendo in campo una chiara volontà politica: quella di offrire pari opportunità ai ragazzi e alle ragazze disabili della Puglia, anche nel tempo terzo, quello della vacanza e avviando un percorso innovativo, capace di incentivare le buone risorse creative delle organizzazioni pugliesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *